martedì 06 dicembre | 06:50
pubblicato il 27/gen/2014 16:36

Contraffazione: Grasso, sostiene criminalita' e frena uscita da crisi

Contraffazione: Grasso, sostiene criminalita' e frena uscita da crisi

(ASCA) - Roma, 27 gen - ''C'e' in generale un atteggiamento di particolare indulgenza dell'opinione pubblica nei confronti della contraffazione. Per questo bisogna cercare di educare il consumatore, facendo capire che comprando un prodotto contraffatto non si fa altro che finanziare la criminalita' organizzata''. A lanciare l'appello e' il presidente del Senato, Pietro Grasso internvenendo al convegno ''Lotta alla contraffazione e rilancio della crescita'', organizzato a Palazzo Giustiniani alla presenza tra gli altri del vice presidente della Commissione Ue, Antonio Tajani.

Grasso ha colto e sottolineato l'ampio spettro delle implicazioni della confraffazione, che coinvolge in particolare in un momenti di grave crisi economica, anche aspetti sociali del fenomeno.

''La contraffazione e' una menomazione della funzionalita' fisiologica del sistema, tanto piu' deleteria in considerazione del periodo in cui ci troviamo, in cui la crisi pone l'esigenza di investire in fattori di competitivita'''. Ecco che contrastare la contraffazione significa tutelare la competitivita' di un Paese e di un settore, la sua crescita anche sotto il profilo della ricerca, la difesa dell'occupazione e della stessa salute dei cittadini, oltre che contrastare l'evasione fiscale che sottende.

Ecco dunque il presidente del Senato puntare il dito contro il crimine organizzato che nella contraffazione afferma la propria primazia, ma anche contro tutta quell'area 'grigia' di commercialisti, uomini d'affari, societa' di money transfer che collabora ed e' funzionale alla sua sopravvivenza e prosperita'.

Il contrasto alla contraffazione ha dunque bisogno di una omogeneita' di legislazione con gli altri Stati Ue, oltre che a livello internazionale, visto che l'Italia vanta ''una legislazione all'avanguardia'' che si scontra e si affievolisce nel contro con quella di altri Paesi dell'unione, quindi ''piu' cooperazione internazionale'' ad esempio con la creazione diuno sportello unico per denuncaire le anomalie su contraffazioni o omissioni di interventi da parte di chi avrebbe il compito di vigilare. Infine, conclude Grasso, serve anche un diverso e piu' consapevole approccio culturale: ''Bisogna salvaguardare il made in Italy e spiegare a tutti coloro che acquistano prodotti falsificati che, cosi' facendo, danneggiano il mercato e collaborano con le mafie''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari