sabato 21 gennaio | 23:34
pubblicato il 27/gen/2014 16:36

Contraffazione: Grasso, sostiene criminalita' e frena uscita da crisi

Contraffazione: Grasso, sostiene criminalita' e frena uscita da crisi

(ASCA) - Roma, 27 gen - ''C'e' in generale un atteggiamento di particolare indulgenza dell'opinione pubblica nei confronti della contraffazione. Per questo bisogna cercare di educare il consumatore, facendo capire che comprando un prodotto contraffatto non si fa altro che finanziare la criminalita' organizzata''. A lanciare l'appello e' il presidente del Senato, Pietro Grasso internvenendo al convegno ''Lotta alla contraffazione e rilancio della crescita'', organizzato a Palazzo Giustiniani alla presenza tra gli altri del vice presidente della Commissione Ue, Antonio Tajani.

Grasso ha colto e sottolineato l'ampio spettro delle implicazioni della confraffazione, che coinvolge in particolare in un momenti di grave crisi economica, anche aspetti sociali del fenomeno.

''La contraffazione e' una menomazione della funzionalita' fisiologica del sistema, tanto piu' deleteria in considerazione del periodo in cui ci troviamo, in cui la crisi pone l'esigenza di investire in fattori di competitivita'''. Ecco che contrastare la contraffazione significa tutelare la competitivita' di un Paese e di un settore, la sua crescita anche sotto il profilo della ricerca, la difesa dell'occupazione e della stessa salute dei cittadini, oltre che contrastare l'evasione fiscale che sottende.

Ecco dunque il presidente del Senato puntare il dito contro il crimine organizzato che nella contraffazione afferma la propria primazia, ma anche contro tutta quell'area 'grigia' di commercialisti, uomini d'affari, societa' di money transfer che collabora ed e' funzionale alla sua sopravvivenza e prosperita'.

Il contrasto alla contraffazione ha dunque bisogno di una omogeneita' di legislazione con gli altri Stati Ue, oltre che a livello internazionale, visto che l'Italia vanta ''una legislazione all'avanguardia'' che si scontra e si affievolisce nel contro con quella di altri Paesi dell'unione, quindi ''piu' cooperazione internazionale'' ad esempio con la creazione diuno sportello unico per denuncaire le anomalie su contraffazioni o omissioni di interventi da parte di chi avrebbe il compito di vigilare. Infine, conclude Grasso, serve anche un diverso e piu' consapevole approccio culturale: ''Bisogna salvaguardare il made in Italy e spiegare a tutti coloro che acquistano prodotti falsificati che, cosi' facendo, danneggiano il mercato e collaborano con le mafie''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4