domenica 19 febbraio | 17:56
pubblicato il 27/gen/2014 16:36

Contraffazione: Grasso, sostiene criminalita' e frena uscita da crisi

Contraffazione: Grasso, sostiene criminalita' e frena uscita da crisi

(ASCA) - Roma, 27 gen - ''C'e' in generale un atteggiamento di particolare indulgenza dell'opinione pubblica nei confronti della contraffazione. Per questo bisogna cercare di educare il consumatore, facendo capire che comprando un prodotto contraffatto non si fa altro che finanziare la criminalita' organizzata''. A lanciare l'appello e' il presidente del Senato, Pietro Grasso internvenendo al convegno ''Lotta alla contraffazione e rilancio della crescita'', organizzato a Palazzo Giustiniani alla presenza tra gli altri del vice presidente della Commissione Ue, Antonio Tajani.

Grasso ha colto e sottolineato l'ampio spettro delle implicazioni della confraffazione, che coinvolge in particolare in un momenti di grave crisi economica, anche aspetti sociali del fenomeno.

''La contraffazione e' una menomazione della funzionalita' fisiologica del sistema, tanto piu' deleteria in considerazione del periodo in cui ci troviamo, in cui la crisi pone l'esigenza di investire in fattori di competitivita'''. Ecco che contrastare la contraffazione significa tutelare la competitivita' di un Paese e di un settore, la sua crescita anche sotto il profilo della ricerca, la difesa dell'occupazione e della stessa salute dei cittadini, oltre che contrastare l'evasione fiscale che sottende.

Ecco dunque il presidente del Senato puntare il dito contro il crimine organizzato che nella contraffazione afferma la propria primazia, ma anche contro tutta quell'area 'grigia' di commercialisti, uomini d'affari, societa' di money transfer che collabora ed e' funzionale alla sua sopravvivenza e prosperita'.

Il contrasto alla contraffazione ha dunque bisogno di una omogeneita' di legislazione con gli altri Stati Ue, oltre che a livello internazionale, visto che l'Italia vanta ''una legislazione all'avanguardia'' che si scontra e si affievolisce nel contro con quella di altri Paesi dell'unione, quindi ''piu' cooperazione internazionale'' ad esempio con la creazione diuno sportello unico per denuncaire le anomalie su contraffazioni o omissioni di interventi da parte di chi avrebbe il compito di vigilare. Infine, conclude Grasso, serve anche un diverso e piu' consapevole approccio culturale: ''Bisogna salvaguardare il made in Italy e spiegare a tutti coloro che acquistano prodotti falsificati che, cosi' facendo, danneggiano il mercato e collaborano con le mafie''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia