sabato 03 dicembre | 17:01
pubblicato il 30/ott/2013 21:10

Conti pubblici: Saccomanni, deficit al 3% non basta. Puntare a pareggio

(ASCA) - Roma, 30 ott - ''L'indebitamento netto deve restare entro la soglia del 3 per cento del pil ma il rispetto di tale obiettivo non e' sufficiente: il disavanzo strutturale deve tendere verso il pareggio; il peso del debito deve ridursi. Raggiungere questi risultati e' un interesse prioritario del nostro Paese''. A spiegarlo e' stato il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, nel corso di un'audizione davanti alle Commissioni riunite Bilancio e Affari Sociali della Camera. rus/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari