lunedì 05 dicembre | 16:09
pubblicato il 06/mar/2014 14:00

Conti pubblici: Brunetta, divergenze Ue-governo. Che dice Renzi?

(ASCA) - Roma, 6 mar 2014 - ''Nei prossimi giorni (domenica 10 e lunedi' 11 marzo) il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, sara' a Bruxelles per la riunione dell'Eurogruppo e del Consiglio Ecofin. L'incontro avverra' all'indomani della pubblicazione dei risultati della Commissione europea sul monitoraggio delle politiche economiche dei paesi membri (EU No 1176/2011), che, a loro volta, seguono le previsioni della stessa Commissione (EU forecast - winter 2014) per il biennio 2014 - 2015. Entrambi gli interventi mostrano una divergenza di giudizio sulla situazione italiana rispetto agli ultimi documenti varati dal precedente governo. In particolare il nostro Paese, a differenza dei principali partner comunitari, viene sottoposto, al pari della Croazia e della Slovenia, ad uno ''specifico' monitoraggio, la cui motivazione e' direttamente riconducibile allo stato dell'economia e della finanza pubblica italiana''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Inoltre, la Commissione ha rilevato come, rispetto alle previsioni governative, il deficit strutturale per il 2014 sia pari al doppio (0,6 per cento contro lo 0,3 per cento del governo) ed oltre il limite (0,5 per cento) previsto dalle regole comunitarie. Il debito pubblico, a sua volta, mostra una dinamica ben superiore, sempre rispetto alle previsioni del governo, con una differenza in piu' di 3 punti (132,4 contro 129,4 per cento). Infine, la Commissione ha rilevato come il sentiero della possibile crescita economica italiana sia molto piu' arduo rispetto alle previsioni, con un tasso piu' contenuto (0,6 contro l'1 per cento) ed un ritardo di circa un anno rispetto a quanto indicato dal precedente governo'', aggiunge Brunetta. ''Date queste evidenti discordanze, considerato inoltre che il governo si appresta a varare importanti riforme (dal cosiddetto Jobs act, al piano casa, all'intervento per l'edilizia scolastica e l'ulteriore finanziamento agli Enti locali), molte delle quali richiederanno ulteriori interventi di carattere finanziario a valere sulla finanza pubblica, ci chiediamo: come fara' Renzi? Come fara' Padoan? Sarebbe il caso che su questi temi riferiscano al piu' presto in Parlamento. Lo abbiamo chiesto oggi alla presidente della Camera, Laura Boldrini. Attendiamo fiduciosi. Anzi, preoccupati'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari