sabato 21 gennaio | 01:32
pubblicato il 06/mar/2014 14:00

Conti pubblici: Brunetta, divergenze Ue-governo. Che dice Renzi?

(ASCA) - Roma, 6 mar 2014 - ''Nei prossimi giorni (domenica 10 e lunedi' 11 marzo) il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, sara' a Bruxelles per la riunione dell'Eurogruppo e del Consiglio Ecofin. L'incontro avverra' all'indomani della pubblicazione dei risultati della Commissione europea sul monitoraggio delle politiche economiche dei paesi membri (EU No 1176/2011), che, a loro volta, seguono le previsioni della stessa Commissione (EU forecast - winter 2014) per il biennio 2014 - 2015. Entrambi gli interventi mostrano una divergenza di giudizio sulla situazione italiana rispetto agli ultimi documenti varati dal precedente governo. In particolare il nostro Paese, a differenza dei principali partner comunitari, viene sottoposto, al pari della Croazia e della Slovenia, ad uno ''specifico' monitoraggio, la cui motivazione e' direttamente riconducibile allo stato dell'economia e della finanza pubblica italiana''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Inoltre, la Commissione ha rilevato come, rispetto alle previsioni governative, il deficit strutturale per il 2014 sia pari al doppio (0,6 per cento contro lo 0,3 per cento del governo) ed oltre il limite (0,5 per cento) previsto dalle regole comunitarie. Il debito pubblico, a sua volta, mostra una dinamica ben superiore, sempre rispetto alle previsioni del governo, con una differenza in piu' di 3 punti (132,4 contro 129,4 per cento). Infine, la Commissione ha rilevato come il sentiero della possibile crescita economica italiana sia molto piu' arduo rispetto alle previsioni, con un tasso piu' contenuto (0,6 contro l'1 per cento) ed un ritardo di circa un anno rispetto a quanto indicato dal precedente governo'', aggiunge Brunetta. ''Date queste evidenti discordanze, considerato inoltre che il governo si appresta a varare importanti riforme (dal cosiddetto Jobs act, al piano casa, all'intervento per l'edilizia scolastica e l'ulteriore finanziamento agli Enti locali), molte delle quali richiederanno ulteriori interventi di carattere finanziario a valere sulla finanza pubblica, ci chiediamo: come fara' Renzi? Come fara' Padoan? Sarebbe il caso che su questi temi riferiscano al piu' presto in Parlamento. Lo abbiamo chiesto oggi alla presidente della Camera, Laura Boldrini. Attendiamo fiduciosi. Anzi, preoccupati'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4