mercoledì 18 gennaio | 02:55
pubblicato il 19/set/2016 21:02

Consulta rinvia esame Italicum. E nel Pd perde quota la mozione

L'idea di un documento sulle modifiche alla legge elettorale non decolla. Resta no Dem a Sinistra italiana

Consulta rinvia esame Italicum. E nel Pd perde quota la mozione

Roma, 19 set. (askanews) - Alla fine è la Consulta a mettere da parte il famoso "combinato disposto" tra refrendum e legge elettorale, rimanda l'udienza sulla costituzionalità dell'Italicum e, secondo quanto si apprende, la questione verrà calendarizzata di nuovo in una data successiva alla consultazione popolare. Una mossa probabilmente dovuta al fatto che stanno per arrivare altri ricorsi sul tavolo della Consulta, ma che permette anche ai supremi giudici di evitare un intreccio con la campagna referendaria che comunque sarebbe stato letto politicamente, qualunque fosse stata la decisione nel merito. Un rinvio che, secondo quanto si apprende, potrebbe anche portare il Pd a non presentare alcuna mozione durante il dibattito fissato per votare il documento di sinistra italiana.

Da giorni i democratici ragionano sulla linea da tenere in aula mercoledì prossimo e alcuni dei renziani premevano perché il partito fissasse la linea del leader in un documento da contrapporre a quello di Si. Nella mozione della sinistra si evoca l'incostituzionalità dell'Italicum e si chiede l'impegno a rivedere la legge elettorale, tra i democratici era girata l'ipotesi di ribadire invece la bontà della riforma approvata lo scorso anno, aggiungendo però la disponibilità a ragionare su possibili correzioni, fermi restando alcuni paletti, a cominciare dalla garanzia che esca un vincitore chiaro dalle urne.

"La linea è questa - dice uno dei principali dirigenti Pd - ma è da vedere se si tradurrà in una mozione. Dipende anche dagli altri partiti di maggioranza". Gli altri partiti, però, hanno idee non del tutto collimanti, soprattutto Area popolare: i centristi hanno annunciato un proprio documento nel quale si parla di eliminare il ballottaggio e di assegnare il premio alla coalizione anziché alla lista.

Sul secondo aspetto Renzi è disposto a ragionare, molto meno sul ballottaggio. Soprattutto, il leader Pd non intende fissare in una mozione parlamentare alcuna bozza di un'eventuale nuova legge. Per Renzi, come ribadito qualche giorno fa, tocca soprattutto alle opposizioni avanzare proposte su come cambiare la normativa attuale e solo dopo si potrà vedere se è possibile tentare una sintesi. Il premier non intende smontare l'Italicum quando ancora nessuno ha messo sul tavolo un'alternativa credibile: "Quelli che contestano l'Italicum - dice un fedelissimo - sono d'accordo solo sulla critica alla legge che c'è, ma non c'è uno straccio di intesa su un'alternativa".

L'idea della mozione era stata pensata, appunto, soprattutto per smontare l'argomento del "combinato disposto", cioé per indebolire la tesi della minoranza Pd che bisogna votare no al referendum perché la legge elettorale che c'è è incompatibile con la riforma della Costituzione. Ma la mozione serviva anche ad anticipare un possibile giudizio negativo della Corte costituzionale, che avrebbe dovuto riunirsi il 4 ottobre.

Il rinvio di oggi, spiega una fonte Pd, rafforza chi nel partito era sempre stato scettico sulla mozione. Anche perché, ammette un altro dirigente del partito "non è semplice scrivere una mozione per dire che uno è disponibile al confronto sulla legge elettorale. Le mozioni, di solito, impegnano a fare qualcosa...". La discussione proseguirà domani nell'ufficio di presidenza del gruppo, che si terrà all'ora di pranzo. Allo stato, spiega il dirigente Pd, "la mozione non è più un'ipotesi probabilissima".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa