martedì 06 dicembre | 07:00
pubblicato il 12/mag/2011 16:36

Consulta boccia ancora pacchetto sicurezza, su accuse di omicidio

Non obbligatorio carcere, possibili misure alternative

Consulta boccia ancora pacchetto sicurezza, su accuse di omicidio

Roma, 12 mag. (askanews) - La Corte costituzionale ha bocciato un'altra norma del 'pacchetto sicurezza' varato nel 2009 dal governo. Questa volta, sotto la scure della Consulta è caduta unla norma che obbliga gli accusati di omicidio alla custodia cautelare in carcere: d'ora in poi, anche chi ha a proprio carico 'gravi indizi di colpevolezza' di omicidio, potrà attendere processo e sentenza agli arresti domiciliari e non più obbligatoriamente dietro le sbarre. Dichiarata quindi l'illegittimità costituzionale dell'articolo 275, comma 3, secondo e terzo periodo, del codice di procedura penale, come modificato dall'art. 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonchè in tema di atti persecutori). La Consulta, accogliendo i giudizi di legittimità costituzionale promossi dal gip dei Tribunali di Milano e Lecce, ritiene quindi illegittimo l'articolo di legge nella parte in cui, prevedendo che "quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di cui all'articolo 575 del codice penale (omicidio) è applicata la custodia cautelare in carcere, salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari", tuttavia "non fa salva altresì l'ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al fatto concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure". La sentenza è stata scritta dal giudice Giuseppe Frigo. La norma del 'pacchetto sicurezza' è stata bocciata per "ingiustificata parificazione" (violazione dell'art. 3 della Costituzione) dell'omicidio volontario ai delitti di mafia. Analoga decisione era stata presa sempre dalla Consulta lo scorso anno per quanto riguardava i procedimenti per violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile, rispetto ai quali il 'pacchetto sicurezza' aveva operato una stretta, prevedendo l'obbligo di custodia cautelare in carcere e non anche la possibilità di misure alternative.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari