martedì 06 dicembre | 04:44
pubblicato il 29/mag/2014 11:24

Consolati: Di Biagio (PI), si' a riorganizzazione, stop a chiusura

(ASCA) - Roma, 29 mag 2014 - ''Credo sia la prima volta che in tempi cosi' celeri si arrivi ad un accordo Parlamento-Governo su un atto in materia di italiani nel mondo e servizi ad essi dedicati, segnale questo che sono maturi i tempi per avviare quelle riforme in stand-by da troppo tempo''. Lo dichiara in una nota Aldo Di Biagio, senatore di ''Per l'Italia'' eletto all'estero, commentando l'ordine del giorno approvato dal Senato nel pomeriggio di ieri e che unifica i testi delle mozioni e dell'odg presentati in materia di riorganizzazione della rete consolare. ''Sono anni che cerchiamo un percorso di mediazione sulla riorganizzazione della rete diplomatico-consolare con i vari governi che si sono succeduti - spiega - ed il risultato di ieri e' testimonianza di un reale ascolto del Governo che per la prima volta ha riconosciuto tra le priorita' quella di adeguare la ''cassetta degli attrezzi'' alle ambizione del Paese, riconoscendo il ruolo indispensabile delle nostre strutture all'estero non solo comeriferimento per le nostre comunita' ma anche come proiezione del ruolo e delle potenzialita' del paese nel mondo''.

''Tra gli impegni dell'ordine del giorno accolto ieri - continua - ricordo quello di presentare alle Commissioni un piano di riorientamento della rete diplomatico-consolare, in ottemperanza alle disposizioni della spending review sempre e comunque ad invarianza dei servizi e l'individuazione in tempi rapidi nelle sedi oggetto di chiusura, anche sulla base di un confronto con le istituzioni locali, di strumenti leggeri alternativi di presenza culturale e di erogazione dei servizi consolari, che sebbene non si qualifichi come un vero e proprio blocco delle chiusure, nei fatti ne rappresenta una revisione rispetto a quanto gia' sancito dai provvedimenti stessi. Ora attendiamo i provvedimenti attuativi del Governo in merito alle singole strutture consolari, che daranno seguito agli impegni assunti''. ''Il risultato di ieri rappresenta un piccolo passo in un percorso piu' vasto fatto di riforme e diconquiste come quella recente sull'imu per alcune categorie di italiani residenti all'estero - conclude - segnale questo che qualcosa sta cambiando e che da Roma si comincia davvero a percepire il mondo dell'emigrazione e le strutture funzionali a questo come una ricchezza da proteggere e valorizzare per il futuro del paese''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari