domenica 04 dicembre | 05:17
pubblicato il 23/set/2014 15:55

Confcommercio, Squeri (Fi): senza sterzata Italia finisce male

(ASCA) - Roma, 23 set 2014 - "I dati del Cerved sui fallimenti sono lo specchio di un'Italia, quella delle piccole e medie imprese, che nonostante gli sforzi per resistere alla crisi, non sa piu' che pesci prendere ed e' costretta ad arrendersi. Questo rende ancora piu' evidente quanto il pagamento dei debiti della P.A.

non sia una questione di scommesse ma di moralita'".Lo afferma in una nota il deputato di Forza Italia Luca Squeri, secondo il quale "altrettanto immorali e indegni di un Paese civile sono il livello della pressione fiscale e la stretta creditizia da parte delle banche".

"In tutto questo, la sinistra Pd si avvita sull'art. 18 e la delega fiscale, per il governo, si esaurisce nel 730 precompilato. Serve una sterzata o qui si finisce male", conclude Squeri.

Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari