domenica 26 febbraio | 02:09
pubblicato il 23/set/2014 15:55

Confcommercio, Squeri (Fi): senza sterzata Italia finisce male

(ASCA) - Roma, 23 set 2014 - "I dati del Cerved sui fallimenti sono lo specchio di un'Italia, quella delle piccole e medie imprese, che nonostante gli sforzi per resistere alla crisi, non sa piu' che pesci prendere ed e' costretta ad arrendersi. Questo rende ancora piu' evidente quanto il pagamento dei debiti della P.A.

non sia una questione di scommesse ma di moralita'".Lo afferma in una nota il deputato di Forza Italia Luca Squeri, secondo il quale "altrettanto immorali e indegni di un Paese civile sono il livello della pressione fiscale e la stretta creditizia da parte delle banche".

"In tutto questo, la sinistra Pd si avvita sull'art. 18 e la delega fiscale, per il governo, si esaurisce nel 730 precompilato. Serve una sterzata o qui si finisce male", conclude Squeri.

Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech