martedì 21 febbraio | 23:05
pubblicato il 09/ott/2011 18:56

Condono/ Bossi frena. Forse in conversione Dl sviluppo

Cicchitto-Corsaro rilanciano, leader Lega: domani vedo Tremonti

Condono/ Bossi frena. Forse in conversione Dl sviluppo

Roma, 9 ott. (askanews) - Norma contestata, norma rischiosa. Il condono divide la maggioranza, oggi è Umberto Bossi a manifestare il suo scetticismo. E nella fase delicata di un Governo che avanza sul filo, resta una carta da giocare, ma non subito. Difficile quindi che rientri nel Dl sviluppo, ennesimo banco di prova, specie con una norma che alimenta i malpancismi, nella maggioranza e dentro il Pdl. Se mai si creassero le condizioni, c'è una sola finestra: quella - spiega un ministro - "di un emendamento al Ddl di conversione del decreto sviluppo". Questa, almeno, è la speranza di chi nel partito spinge per il condono, e che non vede nella frenata di Bossi uno "stop definitivo. Quando vuole, chiude sul serio". Speranza cui danno voce oggi Fabrizio Cicchitto e Massimo Corsaro: "La vera etica è salvare il Paese" dice il capogruppo Pdl alla Camera, che a Tremonti chiede di rispondere su come "abbattere la massa del debito e trovare le risorse per finanziare la crescita per ridurre la pressione fiscale". E sull'etica batte anche il vice, Corsaro, "perché gran parte del debito è imputabile all'evasione, e noi in questo momento ci rivolgiamo a chi di questo buco è stato responsabile". Berlusconi? "Credo la nostra proposta possa essere in linea con il suo pensiero". Il Cavaliere tiene infatti la carta sul tavolo. Ma dovrà giocare una nuova partita con Tremonti, contrario ad una misura 'incentivo' all'evasione; fare i conti con Bossi, che domani affronterà il tema proprio con il ministro dell'Economia in un nuovo faccia a faccia a via Bellerio; e con i frondisti del partito, che nel chiedere un cambio di passo di ampio respiro - finanche un passo indietro del Cavaliere - partono dai singoli provvedimenti. Il condono, diceva oggi Roberto Formigoni, "non è la scelta giusta". Intanto l'ipotesi tiene banco, e finisce nel mirino di Confindustria (il condono - dice Emma Marcegaglia - "premia i furbi, non è la scelta giusta") e delle opposizioni: sarebbe "un favore agli evasori", dice Francesco Boccia (Pd), un'"infamia ingiustificabile" per l'Idv, pronta a scendere in piazza. E il Presidente Napolitano, nel messaggio a Stefania Prestigiacomo in occasione della giornata in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali, invita ad uno sviluppo sul territorio fatto "con la dovuta attenzione alla sicurezza, alla incolumità pubblica ed al rispetto dell'ambiente e delle sue insostituibili risorse" .

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia