lunedì 23 gennaio | 14:08
pubblicato il 07/ago/2013 17:36

Concordia: Vicari, affidare smantellamento a Palermo

Concordia: Vicari, affidare smantellamento a Palermo

(ASCA) - Roma, 7 ago - ''L'affidamento dello smantellamento della Costa Concordia allo stabilimento di Piombino anziche' a quello Fincantieri di Palermo rappresenterebbe una decisione dispendiosa ed ingiustificata. Per questa ragione ho inviato una lettera ai ministri dello Sviluppo economico, dell'Ambiente, delle Infrastrutture, del Lavoro, della Coesione territoriale, oltre al presidente della Regione Siciliana ed al sindaco di Palermo, al fine di chiedere con fermezza che il capoluogo siciliano non sia escluso da un'importante occasione di rilancio. Nessuno vuole privare il porto di Piombino dei finanziamenti per le opere di ammodernamento, ma questo non puo' avvenire ancora una volta penalizzando il Sud, la Sicilia e la citta' di Palermo, dotata delle strutture piu' idonee ad accogliere la Costa Concordia, e da tempo individuata, anche da Fincantieri, come sede per lo smantellamento''. Lo ha dichiarato la senatrice Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo Economico.

''Infatti per Palermo - continua il sottosegretario - questa commessa rappresenta una grande opportunita' di lavoro. Sono ben 200 gli operai attualmente in cassa integrazione nel sito Fincantieri di Palermo, ed e' evidente che lo smantellamento serva a dare nuove risorse a questa struttura. Inoltre al di la' dell'aspetto occupazionale il sito di Piombino, nonostante la sua posizione geografica favorevole, e' caratterizzato da gravi carenze strutturali per rimediare alle quali servirebbero lavori di adeguamento e di ampliamento dell'infrastruttura di almeno tre anni, oltre ad un ingente investimento economico stimato in circa 300 milioni di euro. Invece il sito di Palermo, che ha i requisiti tecnico-strutturali-professionali idonei per ricevere in porto la Concordia, al massimo necessiterebbe di un investimento di 45 milioni di euro. In ogni caso la distanza non puo' essere elemento di preferenza in quanto i costi del trasporto sono a totale carico del consorzio ''Titan-Micoperi' per conto della Costa Crociere. E' ovvio, quindi, che la scelta di Palermo non solo comporta un notevole risparmio di denaro pubblico, ma anche tempi immediati per liberare l'isola del Giglio dal relitto''. ''Mi auguro, percio', che tutti questi elementi portino la buona politica e la saggia e sana gestione della cosa pubblica ad affidare al sito di Fincantieri di Palermo lo smantellamento della nave Concordia'', conclude il sottosegretario Vicari.

com-ceg/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4