martedì 06 dicembre | 09:07
pubblicato il 17/feb/2011 21:24

Concordato/Per incontro Berlusconi Vaticano sceglie 'low profile'

Nelle scorse settimane freddezza e disagio per 'rubygate'

Concordato/Per incontro Berlusconi Vaticano sceglie 'low profile'

Città del Vaticano, 17 feb. (askanews) - Nessun faccia a faccia tra Silvio Berlusconi e il cardinale Tarcisio Bertone, domani pomeriggio, in occasione dell'annuale ricevimento per l'anniversario dei Patti lateranensi all'ambasciata italiana presso la Santa Sede. La scelta dà forma quasi plastica al sentimento con il quale i vertici vaticani si preparano all'incontro di domani. Il primo dopo che inizialmente Bertone, poi il Papa in persona, infine il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, hanno preso le distanze dal Presidente del Consiglio. Non sono mancati appunti alla magistratura e dubbi sulla modalità con cui le intercettazioni sono state condotte e pubblicate. Ma, pur senza alcuna esplicita condanna delle notti di Arcore e alcuna menzione espressa del 'Rubygate', i vertici della Chiesa cattolica nelle scorse settimane hanno ripetutamente fatto appello alla moralità e alla sobrietà di chi riveste ruoli pubblici, senza nascondere freddezza e disagio per il quadro emerso dalle ricostruzioni giornalistiche. Anche le testate cattoliche non hanno lesinato critiche, pur sempre nelle modalità loro proprie. Da ultimo, il direttore di 'Avvenire' Marco Tarquinio ha sostenuto la manifestazione di piazza delle donne 'Se non ora, quando?' e l''Osservatore romano' ha registrato seccamente "un milione di persone in piazza". Oltretevere, in confidenza, si spiega che la situazione "non è normale" e che le rivelazioni giudiziarie sono "sconcertanti", e c'è chi si spinge a sottolineare che, dopo la piazza di domenica scorsa e il rinvio a giudizio, un passo indietro del premier sarebbe opportuno. Ma la situazione aggravata delle diverse formazioni dell'opposizione non provoca minor apprensione Oltretevere. E, soprattutto, non è compito della Chiesa formulare giudizi o compiere interventi nella politica italiana. Per tradizione, poi, la Santa Sede punta alla massima collaborazione con ogni Governo italiano, tanto più nell'anniversario dei Patti lateranensi e del Concordato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari