lunedì 05 dicembre | 22:22
pubblicato il 28/feb/2013 16:57

Comuni: Delrio (Anci) a Monti, bilanci impossibili. Urge incontro

(ASCA) - Roma, 28 feb - ''Un incontro urgente per affrontare alcune questioni fondamentali su cui in questi mesi abbiamo richiamato la dovuta attenzione e la cui soluzione non e' piu' procrastinabile''. E' la richiesta che il Presidente della Associazione dei Comuni Italiani Graziano Delrio ha rivolto al Presidente del Consiglio Mario Monti in una lettera in cui si fa esplicito riferimento alla '''diffusa e assolutamente maggioritaria impossibilita', per i Comuni, a predisporre i bilanci nel rispetto dei vincoli del Patto di stabilita' interno ed in considerazione dei tagli gravosissimi che ancora una volta colpiscono il comparto dei Comuni''.

Nel dirsi '''consapevole delle difficolta' che il contesto politico pone'', Delrio sottolinea pero' che '''le questioni poste sono della massima urgenza ed e' necessario che il Governo assuma l'onere di affrontarle adottando un provvedimento di massima urgenza nelle prossime ore''.

I nodi che secondo il Presidente ANCI devono essere sciolti sono molti. '''Per quanto riguarda i Comuni - scrive - e' urgente correggere la previsione relativa al posticipo del pagamento della TARES a luglio, che pone un serissimo problema di liquidita' ai Comuni che dovrebbero anticipare alle aziende i corrispettivi per erogare i servizi, anticipandola al 30 aprile; e' urgente chiudere la verifica del gettito IMU 2012, in modo da definire lo stanziamento complessivo del FSR e cosi' consentire ai Comuni di fare i consuntivi; e' inoltre necessario approvare una norma che consenta ai Comuni di avere uno strumento contabile per chiudere correttamente le partite contabili del 2012''. Per Delrio e' poi opportuno '''avviare una verifica per riportare il taglio a carico del comparto dei Comuni per il 2013, pari a 2.250 milioni, ad una cifra ragionevole e sostenibile, utilizzando i risultati conseguiti con la determinazione dei fabbisogni standard, con l'obiettivo di lavorare da subito per un percorso di riqualificazione della spesa ed efficienza ed economicita' dei servizi; vanno infine esclusi i piccoli comuni dal Patto di stabilita' per il 2013, essendo essi impegnati in un processo complesso di carattere ordinamentale finalizzato alla gestione associata di tutte le funzioni''.

'''E a tutto questo - ricorda in conclusione il Presidente Anci - si aggiunge l'incertezza derivante dall'applicazione del nuovo quadro normativo in materia di Imu per il 2013''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari