lunedì 05 dicembre | 22:30
pubblicato il 10/gen/2014 10:20

Comuni: De Magistris, siamo arrabbiati. Sindaci esattori tasse

Comuni: De Magistris, siamo arrabbiati. Sindaci esattori tasse

(ASCA) - Roma, 10 gen 2014 - ''Noi siamo davvero molto arrabbiati. Da una parte c'e' stata una battaglia tutta ideologica per l'abbattimento delle tasse, poi abbiamo scoperto che le tasse non si abbassano perche' si fa il gioco delle tre carte coi nomi: tassa di servizio, Imu, Tares, e la tassazione e' sempre alta''. Lo ha detto Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, intervenendo a ''Prima di tutto'', Radio 1 sull'incontro di ieri Governo-Anci sulla nuova Tasi. ''Ma quello che e' piu grave e' che in questo modo gli amministratori locali, i sindaci diventano esattori delle tasse per conto del Governo. Il governo le mette e dice a noi sindaci di spedire le cartelle esattoriali e poi sul ricavato non ci trasferisce, come prevede la Costituzione, le quote che spettano ai comuni. Quindi assistiamo a due ordine di situazione: comportamento antidemocratico nei confronti delle autonomie locali e punitivo nei confronti dei cittadini, perche' con meno risorse ovviamente ne vengono a soffrire la manutenzione delle strade, il trasporto pubblico e tutta quella serie di servizi utili alla collettivita'. Quindi cosi si fa un danno gravissimo a tutti i cittadini. Prendiamo il caso di Napoli - ha continuato De Magistris- Noi, a differenza di altre citta', abbiamo alzato piu' possibile le esenzioni Irpef per le fasce piu' deboli. Allora a questo punto lancio una sfida. Non volete trasferire localmente le risorse? Diamo un'autonomia tributaria agli amministratori locali, i sindaci decidono che tasse mettere e i soldi restano in citta'. Ho l' impressione che si possa parlare di patto di stupidita', non di stabilita'. Dobbiamo decidere se questo Paese deve essere governato da chi viene eletto direttamente dal popolo, come accade per i sindaci o comunque da un governo legittimato dal Parlamento, oppure commissariato da alcune tecnocrazie. Questo e' il tema del Paese: se vogliamo bloccarlo, lo faremo morire. Se lo vogliamo liberare, facendo ripartire investimenti ed economia, dobiamo pensare ai servizi essenziali, e agli interessi dei cittadini. Se il Paese si deprime e crolla, non si rialzera' mai. E' politico il vero tema del Paese, in questo momento''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari