domenica 04 dicembre | 21:48
pubblicato il 10/lug/2014 14:18

Comuni: Anci, via libera a rinvio a 30/06 bilanci previsione 2014

(ASCA) - Roma, 10 lug 2014 - Via libera al rinvio al 30 settembre dei bilanci previsionali 2014 per Comuni e Province. Lo comunica l'Anci in una nota precisado che il disco verde e' arrivato oggi nel corso della conferenza Stato-citta', che ha cosi' accolto la richiesta di rinvio presentata nei giorni scorsi dall'Anci. Il termine precedente per la presentazione dei previsionali 2014 era calendarizzato per il 31 luglio. Ora i Ministeri competenti chiariranno che entro il medesimo termine si potra' adempiere all'approvazione del riequilibrio.

Nella stessa delibera di rinvio dei bilanci, Anci ha poi chiesto al governo un'anticipazione del fondo di solidarieta' per velocizzare i tempi rispetto all'iter normale del decreto ministeriale che ne regola il riparto. Resta invece fissato al 10 settembre il termine per i Comuni per deliberare le aliquote Tasi.

''La ragione principale che ci ha spinto, nostro malgrado, a chiedere il differimento - ha commentato al termine della riunione il presidente Anci Piero Fassino - riguarda il gran numero di Comuni andati al voto nell'ultima tornata amministrativa. Questo ha, di fatto, impedito alle nuove amministrazioni di predisporre i bilanci, su cui pesano anche problematiche normative e finanziarie ancora irrisolte.

Questo rinvio - ha aggiunto Fassino - non e' una grande convenienza per i sindaci, tuttavia e' necessario per poter mettere le amministrazioni nelle condizioni di chiudere esercizi gia' in sofferenza'''.

Sempre riguardo i bilanci, il presidente Anci ha segnalato il problema delle Province ''che devono essere messe nelle condizioni di poter non solo gestire l'indifferibile e l'inderogabile, ma tutte le funzioni ordinarie a loro assegnate. Chiudendo il 31 dicembre - ha portato l'esempio Fassino - non possiamo rischiare di trovarci senza risorse per una nevicata dei primi di gennaio''. Da qui la richiesta di provvedere ''quanto prima su un problema delicatissimo e urgente, anche in vista della nascita delle nuove Citta' metropolitane che rischiano di inglobare enti gia' in forte sofferenza economica e finanziaria'''.

com-stt/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari