martedì 17 gennaio | 14:06
pubblicato il 02/dic/2015 09:23

Comunali, Bersani: centrosinistra largo o Pd rischia sconfitta

"Premier-segretario? Io mi ero impegnato a non cumulare cariche"

Comunali, Bersani: centrosinistra largo o Pd rischia sconfitta

Roma, 2 dic. (askanews) - Alle amministrative serve un centrosinistra "largo" altrimenti "io non so se vinci". Lo afferma l'ex segretario del Pd Pierluigi Bersani, in una intervista al Corriere della Sera.

"Non ce lo ha ordinato il dottore - spiega Bersani - di fare le primarie. Ma se le fai, devi tenerti largo. Devi tenere conto che esiste un centrosinistra diffuso e lavorare perché ci sia un nome del Pd, uno della sinistra e un civico. Così, vinci sicuro. Se invece ti tieni più stretto, io non lo so se vinci". A Roma, ad esempio, Bersani aprirebbe le primarie anche a Fassina: "Sì, vale per tutti. Ma sono processi che non si improvvisano, vanno avviati per tempo. Decisioni così importanti non si possono prendere una settimana prima del voto". Ricordando che "il problema non è il grillismo, è la destra. E io sono preoccupato".

Bersani parla anche dell'organizzazione del partito e del doppio ruolo, premier e segretario, di Matteo Renzi: "Lo Statuto consente di fare al tempo stesso il segretario e il premier, anche se non obbliga. Io mi ero impegnato, se avessi fatto il premier, a non cumulare le cariche. Il punto è, ma si vuole davvero discutere dello stato del partito? Se lo si vuole, dirò anch'io la mia". All'intervistatore che gli domanda se chiederà un segretario politico per il Pd, Bersani risponde che "io non chiedo nulla, Renzi faccia come vuole. E comunque vedremo, poi le formule si trovano. Il problema di fondo è se il partito è un collettivo, se è ritenuto utile, o se è considerato un ingombro. Perché magari si preferisce un rapporto diretto con i cittadini, senza mediazioni. Se è così, auguri!".

Bersani, comunque, non esclude di andare alla Leopolda: "Se ci fosse la bandiera del Pd, potrei anche andarci. Quando il segretario ero io, lo ero di tutto il Pd e non mi sono mai messo a organizzare correnti. Sono stato ospite anche della destra ad Atreju, ma nel nostro campo io vado solo dove ci si riunisce in nome del Pd". Sicuramente sarà, il 12 dicembre, a Roma all'iniziativa organizzata da Speranza e Cuperlo: "Hanno pensato a una manifestazione per ribadire che nel Pd c'è anche un altro punto di vista e io ci sarò, anche se non l'ho organizzata io perché non sono un capocorrente. Mi risulta che non sia ancora stato vietato riunirsi. E dove ci sono le bandiere del Pd, io ci vado". E poi, ridendo: "Si resta segretari a vita..."

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa