mercoledì 22 febbraio | 20:51
pubblicato il 09/lug/2015 20:49

Compravendita senatori, Prodi: non chiedo condanne ma verità

"Mio governo senza grande maggioranza, corrompere era utile"

Compravendita senatori, Prodi: non chiedo condanne ma verità

Roma, 9 lug. (askanews) - Sul caso della compravendita dei senatori, che ha visto Silvio Berlusconi condannato per corruzione, Romano Prodi ha chiarito al Tg1 di "non aver chiesto la condanna di nessuno. Voglio che si ristabilisca la verità storica e che nella democrazia italiana queste cose non avvengano mai più". L'ex premier ha poi aggiunto: "Che il mio governo non avesse una grande maggioranza è ovvio, per questo corrompere era utile".

Prodi ha ricordato quando ricevette la lettera con cui il senatore De Gregorio "mi chiedeva scusa per essere stato corrotto con denaro per votare contro il mio governo. Io gli scrissi che non è un vulnus contro di me ma contro la democrazia italiana. Non sono io la persona ferita - ha concluso - ma l'Italia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech