mercoledì 22 febbraio | 03:20
pubblicato il 16/feb/2017 20:20

Come sarà organizzato il Pd dopo l'assemblea di domenica

A Bonifazi rappresentanza legale e simbolo, direzione in carica

Come sarà organizzato il Pd dopo l'assemblea di domenica

Roma, 16 feb. (askanews) - Rappresentanza legale e simbolo al tesoriere Francesco Bonifazi, guida politica alla direzione e al presidente Matteo Orfini. E' questa l'organizzazione del Pd che uscirà dall'assemblea di domenica, come emerge da una interpretazione dello statuto richiesta alla commissione di garanzia.

Lo statuto del Pd, infatti, non prevede una "reggenza" e in passato non era mai stata registrata una situazione in cui al segretario dimissionario non ne subentrasse un altro, per quanto a tempo.

Secondo l'articolo 3 comma 2 dello statuto, "se il segretario cessa dalla carica prima del termine del suo mandato, l'assemblea può eleggere un nuovo segretario per la parte restante del mandato ovvero determinare lo scioglimento anticipato dell'assemblea stessa. Se il segretario si dimette per un dissenso motivato verso deliberazioni approvate dall'assemblea o dal coordinamento nazionale, l'assemblea può eleggere un nuovo segretario per la parte restante del mandato con la maggioranza dei due terzi dei componenti". Una maggioranza per l'elezione di un segretario alternativo a Renzi che però non c'è in assemblea.

Dunque con le dimissioni di Renzi, è l'interpretazione, decadono anche la segreteria, l'assemblea e il suo presidente Orfini. Restano in carica la direzione (presieduta dallo stesso Orfini), la commissione di garanzia e il tesoriere. Per evitare una assenza di poteri, spiega un parlamentare della commissione di garanzia, è stata proposta una modifica allo statuto per dare in via temporanea al tesoriere, fino all'elezione del nuovo leader, i poteri che il comma 4 dell'articolo 3 attribuisce al segretario: "Il segretario nazionale - recita il comma - è titolare del simbolo del Partito democratico e ne gestisce l'utilizzo, anche ai fini dello svolgimento di tutte le attività necessarie alla presentazione delle liste nelle tornate elettorali".

"In pratica - spiega la fonte - il tesoriere avrà la titolarità del simbolo e la rappresentanza legale del partito, che in parte, per molte questioni, già ha. La guida politica, naturalmente non strategica, è invece in capo alla direzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia