martedì 06 dicembre | 02:28
pubblicato il 03/set/2014 12:00

Colloquio Berlusconi-Renzi sulle crisi internazionali

L'ex premier mette a disposizione la sua esperienza

Colloquio Berlusconi-Renzi sulle crisi internazionali

Roma, 3 set. (askanews) - Le crisi internazionali, a cominciare da quella tra Russia e Ucraina, sono state al centro di un colloquio telefonico oggi tra Silvio Berlusconi e il premier, Matteo Renzi. E' quanto riferiscono fonti di Forza Italia, anche se ufficialmente da palazzo Chigi non arriva nessuna conferma. Il leader azzurro - spiegano fonti del partito - è fortemente preoccupato dal quadro geo-politico e per questo sta tenendo "colloqui costanti nell'interesse del Paese". In particolare, in questi giorni è in atto un filo diretto con Vladimir Putin. L'ex premier è convinto che, in virtù delle sue conoscenze e della propria esperienza, possa agevolare una strategia di appeasement.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari