domenica 04 dicembre | 17:11
pubblicato il 25/feb/2015 09:14

Cofferati: sto con Landini, un agorà per far rinascere la sinistra

Ci vorrà tempo, io costruirò associazione politico-culturale

Cofferati: sto con Landini, un agorà per far rinascere la sinistra

Roma, 25 feb. (askanews) - Sergio Cofferati condivide la proposta di "coalizione sociale" avanzata da Maurizio Landini nei giorni scorsi. In una intervista al Fatto quotidiano, spiega: "Io ritengo che ci sia bisogno di ricostruire un'identità della sinistra in Italia e che per farlo occorra rovesciare le vecchie priorità. In genere, si è pensato di riorganizzare un progetto mettendosi insieme alla buona, individuare il leader e quindi presentarsi agli elettori". Oggi invece, sottolinea l'ex leader Cgil, bisogna "cominciare dai valori. Cosa vuol dire essere di sinistra in questi tempi? Cosa ti identifica con un'idea di sinistra?".

"Occorre - prosegue l'ex leader Cgil -parlare a tutti e in questi tutti vanno individuati i soggetti prioritari. A me sembra che la sinistra possa esistere solo se si rivolge ai più deboli, non solo il lavoro dipendente, ma i precari, al lavoro povero che sembra un ossimoro ma è invece ben reale. Se la sinistra vuole parlare di questi e con questi soggetti allora deve costruirci un rapporto. Partire da tutto ciò che organizza questo mondo variegato e che cerca di dare risposte ai loro bisogni. Una delle ricchezze del nostro paese sono proprio i corpi intermendi, le Ong, il sindacato, l'associazionismo. Penso alle società di Mutuo soccorso di Mazzini che a metà dell'800 hanno provato a mettere insieme persone per esercitare tra loro solidarietà. Situazioni che nel tempo sono evolute, sia in partiti politici che in sindacati. È da lì che si parte. Se si comincia con l' obiettivo di un partito della sinistra si trova un muro dopo cento metri".

"Le suggestioni di Landini e di Stefano Rodotà - sottolinea Cofferati - vanno nella direzione giusta. Sono molto d'accordo che si cominci così. Questo progetto avrà bisogno di tempo, non si fa in fretta. Può capitare che mentre si discute ci siano scadenze come le elezioni. A quel punto, senza interrompere la riflessione, occorre trovare una soluzione contingente. Ma si tratta di un punto di transito non di arrivo. Penso che anche il sindacato debba partecipare ed è giusto che Landini si ponga questo problema. Sono molto interessato a partecipare. Costruirò un'associazione politico-culturale proprio per cercare di stare dentro al percorso". Può prendere forma "una grande agorà, un'assemblea in cui persone che hanno un vissuto, delle idee, delle proposte, possano dare un contributo e discutere di come partire. La sinistra può rinascere da lì".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari