domenica 11 dicembre | 01:17
pubblicato il 16/apr/2014 15:46

Cinema: domani 'Storie d'Aprile' l'occupazione nazista al 'Quadraro'

Cinema: domani 'Storie d'Aprile' l'occupazione nazista al 'Quadraro'

(ASCA) - Roma, 16 apr 2014 - Domani 'Storie d'Aprile': l'occupazione nazista nel quartiere di Roma Quadraro. Alle ore 17.30, al Centro Sperimentale di Cinematografia (via Tuscolana 1520 - Roma) si proiettera' infatti per la prima volta in assoluto il documentario ''Storie d'aprile - Donne al Quadraro'' di S. Miceli e K.Majenza. L'ingresso e' aperto a tutti fino ad esaurimento posti. Il Centro Sperimentale di Cinematografia riapre le sue porte al quartiere in un' occasione cosi' importante per i cittadini del Quadraro. Il Csc auspica che il rapporto con il Municipio si rafforzzi e prosegua nel tempo: desidera infatti offrire ai cittadini tutto l'apporto necessario per la conoscenza e l'approfondimento della cultura cinematografica, perche' il proprio contributo sia utile alla crescita culturale del quartiere.

''Storie d'aprile'' racconta le esperienze di testimoni viventi di quegli anni, di quei mesi tremendi dell'occupazione nazista, in cui Roma paga il prezzo del suo coraggio con migliaia di morti. ''Li portaveno via cor caretto'', ricorda Ada Giacopetti, abitante del Quadraro, che suo padre lo ritrovo', pur non riconoscendolo per quanto era malandato, per le strade della borgata, dopo la deportazione in Germania. E c'e' anche chi, come Lidia Sabatini, il proprio padre lo vide per l'ultima volta quella maledetta mattina del 17 aprile 1944. Le donne del Quadraro dunque, private del lavoro dei loro uomini, portano avanti famiglie numerose inventandosi ogni giorno la vita, in attesa che i loro cari tornino a casa. Le speranze, pero', troppo spesso verranno deluse. ''Storie d'aprile'' racconta quei fatti attraverso la narrazione di Michela Ponzani, storica, e di Walter De Cesaris, autore del libro: ''La borgata ribelle', preziosa fonte di informazioni per tutti noi. Il racconto di Angelina De Lipsis, staffetta partigiana e di Clemente Scifoni, ''gappista', arricchiscono i contenuti del documentario con rivelazioni anche inedite su Don Gioacchino Rey, parroco di Santa Maria del Buon Consiglio, che si adopero' per tutelare la borgata, i rastrellati e le loro famiglie. Il documentario si avvale delle illustrazioni originali di valenti artisti: Valeria Fusca, Cristiano Scrocca, Edoardo Stoppacciaro, Daniela Palumbo, Tommaso Sirugo, Mauro Biani e Valentino Pala - che si sono occupati di ''raccontare' alcuni momenti della storia.

Le voci piu' belle del doppiaggio italiano, tra cui Roberto Chevalier, Isabella e Anna Rita Pasanisi, Roberto Stocchi, Rossella Acerbo, Simone Mori e Sandro Iovino, si sono prestate ad interpretare le testimonianze di chi ha vissuto in prima persona il rastrellamento del Quadraro. Tutti coloro che hanno prestato la loro professionalita' a questo lavoro, lo hanno fatto in modo completamente gratuito. Un particolare ringraziamento va a Gigi Proietti per la disponibilita'.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina