mercoledì 22 febbraio | 06:05
pubblicato il 15/mag/2014 13:46

Cig: Regioni, a giugno possibili pagamenti 2013

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - A giugno potrebbero partire i pagamenti delle mensilita' della cassa integrazione in deroga del 2013 che attualmente sono scoperti. Sul punto questa mattina si sono confrontati il Governo e le Regioni, quando una delegazione di presidenti ha raggiunto a Palazzo Chigi il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio. ''Se il Governo rispettera' gli impegni che il minstro Poletti ci ha comunicato nei giorni scorsi e che il sottosegretario Delrio ci ha confermato questa mattina - ha spiegato il coordinatore degli assessori regionali al lavoro, Gianfranco Simoncini (Toscana) - a giugno ci sono tutte le condizioni perche' partano i primi pagamenti''.

Simoncini ha spiegato che ''per il 2013 sono necessari circa 750 milioni di euro per coprire la cig in deroga. Circa 400 milioni saranno stanziati dal Governo e la restante parte arrivera' da residui provenienti da precedenti allocazioni e dal contributo dei fondi Pac delle Regioni convergenza''.

rus/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia