mercoledì 18 gennaio | 17:24
pubblicato il 09/nov/2013 12:00

Cicchitto: Pdl di nuovo al 2 Ottobre: i falchi vogliono crisi

"Non ci stiamo a salto nel buio. E no al partito di un uomo solo"

Cicchitto: Pdl di nuovo al 2 Ottobre: i falchi vogliono crisi

Roma, 9 nov. (askanews) - "Non si capisce la ragione per cui quotidianamente alcuni, non tutti, dei cosiddetti falchi nonchè dei cosiddetti lealisti rovesciano contro chi non e' d'accordo con loro alcune tonnellate di insulti. Non c'è materia per arrabbiarsi,ma piuttosto per fare i conti con la realtà. Infatti siamo in presenza di un chiaro dissenso politico perchè siamo ritornati alla situazione del 2 ottobre quando all'interno del Pdl c'erano esponenti autorevolissimi che volevano la crisi di governo: adesso la rivogliono". Lo ha denunciato, in una dichiarazione, il presidente Pdl della commissione Esteri della Camera Fabrizio Cicchitto, capofila dei governativi del Pdl guidati da Angelino Alfano. "Inoltre - ha proseguito Cicchitto- c'è una visione di cosa dovrebbe essere Forza Italia che non e'per niente condivisibile. Per parte nostra abbiamo sintetizzato in un documento politico le nostre posizioni su questi due argomenti e su altro, raccogliendo piu di 300firme,mentre più di 30 senatori e di 20 deputati confermano la loro volontà di ribadire la fiducia al governo per ragioni che vanno al di là di una questione di poltrone. Vogliamo mantenere il sostegno al governo perchè riteniamo che una crisi provocata dal Pdl sarebbe un salto nel buio,non darebbe alcun vantaggio a Berlusconi e darebbe al centrodestra tutte le responsabilità delle conseguenze economiche e finanziarie di questo gesto, metterebbe in moto meccanismi politici e istituzionali vantaggiosi solo per il Pd". "Sul partito - ha concluso Cicchitto- non c'è un problema di sigle ma di sostanza: vogliamo che Forza Italia o Pdl che sia combini insieme il ruolo carismatico di Berlusconi, con quello politico di Alfano,con la democrazia interna; vogliamo un partito moderato,garantista e riformista,non un partito in cui tutto il potere politico è concentrato in una sola persona e quello organizzativo in un nucleo estremista e autoritario. Vogliamo che il Pdl permanga nel Ppe e non provochi esso stesso con mosse dissennate le condizioni politiche e statutarie per essere escluso. La presenza nel Ppe deve essere funzionale anche ad aprire una grande battaglia in Europa per modificare le politiche attualmente prevalenti senza però concessioni alle derive populiste e anti-europeiste".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina