martedì 28 febbraio | 16:00
pubblicato il 09/nov/2013 12:00

Cicchitto: Pdl di nuovo al 2 Ottobre: i falchi vogliono crisi

"Non ci stiamo a salto nel buio. E no al partito di un uomo solo"

Cicchitto: Pdl di nuovo al 2 Ottobre: i falchi vogliono crisi

Roma, 9 nov. (askanews) - "Non si capisce la ragione per cui quotidianamente alcuni, non tutti, dei cosiddetti falchi nonchè dei cosiddetti lealisti rovesciano contro chi non e' d'accordo con loro alcune tonnellate di insulti. Non c'è materia per arrabbiarsi,ma piuttosto per fare i conti con la realtà. Infatti siamo in presenza di un chiaro dissenso politico perchè siamo ritornati alla situazione del 2 ottobre quando all'interno del Pdl c'erano esponenti autorevolissimi che volevano la crisi di governo: adesso la rivogliono". Lo ha denunciato, in una dichiarazione, il presidente Pdl della commissione Esteri della Camera Fabrizio Cicchitto, capofila dei governativi del Pdl guidati da Angelino Alfano. "Inoltre - ha proseguito Cicchitto- c'è una visione di cosa dovrebbe essere Forza Italia che non e'per niente condivisibile. Per parte nostra abbiamo sintetizzato in un documento politico le nostre posizioni su questi due argomenti e su altro, raccogliendo piu di 300firme,mentre più di 30 senatori e di 20 deputati confermano la loro volontà di ribadire la fiducia al governo per ragioni che vanno al di là di una questione di poltrone. Vogliamo mantenere il sostegno al governo perchè riteniamo che una crisi provocata dal Pdl sarebbe un salto nel buio,non darebbe alcun vantaggio a Berlusconi e darebbe al centrodestra tutte le responsabilità delle conseguenze economiche e finanziarie di questo gesto, metterebbe in moto meccanismi politici e istituzionali vantaggiosi solo per il Pd". "Sul partito - ha concluso Cicchitto- non c'è un problema di sigle ma di sostanza: vogliamo che Forza Italia o Pdl che sia combini insieme il ruolo carismatico di Berlusconi, con quello politico di Alfano,con la democrazia interna; vogliamo un partito moderato,garantista e riformista,non un partito in cui tutto il potere politico è concentrato in una sola persona e quello organizzativo in un nucleo estremista e autoritario. Vogliamo che il Pdl permanga nel Ppe e non provochi esso stesso con mosse dissennate le condizioni politiche e statutarie per essere escluso. La presenza nel Ppe deve essere funzionale anche ad aprire una grande battaglia in Europa per modificare le politiche attualmente prevalenti senza però concessioni alle derive populiste e anti-europeiste".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech