sabato 10 dicembre | 10:40
pubblicato il 07/gen/2012 05:10

Chiesa/ Cresce peso Italia e Curia in elezione di prossimo Papa

Ratzinger annuncia Concistoro per 18 febbraio, 22 nuovi cardinali

Chiesa/ Cresce peso Italia e Curia in elezione di prossimo Papa

Città del Vaticano, 7 gen. (askanews) - E' il momento in cui un Pontefice disegna con maggiore precisione l'identikit del suo successore. E, sebbene il Pontefice 84enne sia in salute, il Concistoro annunciato ieri da Benedetto XVI per il prossimo 18 febbraio indica che, qualora il Pontefice morisse, nel Conclave convocato per scegliere il futuro Pontefice avrebbero più peso i cardinali italiani e la Curia romana. Al prossimo Concistoro - il quarto di Ratzinger dopo quelli del 2006, del 2007 e del 2010 - il Papa imporrà infatti la berretta cardinalizia a sette italiani (i 'romani' Filoni, Bertello, Versaldi, Calcagno, Coccopalmerio, Vegliò e l'arcivescovo di Firenze Betori, nonostante il suo predecessore Antonelli abbia meno di 80 anni) e dieci membri della Santa Sede (oltre ai sei italiani, il brasiliano Braz de Aviz, lo statunitense O'Brien e gli spagnoli Monteiro de Castro e Abril y Castello). Cresce, dunque, il peso del 'partito romano' nell'elezione del prossimo Papa, e, in particolare, l'influenza che eserciterà il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano, al quale molti curiali sono legati da rapporto di stima. In tutto saranno 22 i nuovi cardinali del prossimo Concistoro. Quanto ai nuovi porporati residenti all'estero, si tratta del presidente dei vescovi statunitensi, l'arcivescovo di New York Dolan (nonostante al suo predecessore Egan manchi ancora qualche mese per gli 80 anni), dell'arcivescovo di Toronto (Collins), di Hong Kong (Tong Hon), dei Siro malabaresi in India (Alencherry), di Utrecht in Olanda (Eijk), di Praga in Repubblica ceca (Duka) e di Berlino in Germania (Woelki, che, con 'soli' 55 anni è il più giovane del collegio cardinalizio). Diventano poi cardinali anche quattro ultratottantenni (e dunque non 'elettori' in Conclave), ai quali Ratzinger concede la berretta cardinalizia per stima personale: due suoi ex collaboratori alla congregazione per la Dottrina della fede (l'agostiniano maltese Prosper Grech e il gesuita tedesco Karl Josef Becker, 'nemico' storico di un altro gesuita, Jacques Dupuis), e poi Lucian Muresan, arcivescovo maggiore di Fagaras si Alba Iulia (Romania) e mons. Julien Ries, professore emerito di storia delle religioni presso l'università cattolica di Lovanio in Belgio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina