sabato 10 dicembre | 08:41
pubblicato il 17/dic/2011 17:30

Chiesa/ Bagnasco: Su Ici polemica infondata.Ma ok a chiarimenti

Mi chiedo se c'è malafede. Radicali: Passata festa, gabbato santo

Chiesa/ Bagnasco: Su Ici polemica infondata.Ma ok a chiarimenti

Roma, 17 dic. (askanews) - "La Chiesa paga l'Ici". Il cardinale Angelo Bagnasco contrattacca dopo le persistenti polemiche sull'esenzione per gli immobili ecclesiali. In un'intervista al 'Corriere della sera', il presidente della Cei rivendica di aver lanciato "già da anni" l'allarme dell'aumento dei pacchi-viveri da parte delle Caritas diocesane, "quando un po' dappertutto si asseriva che la crisi non avrebbe riguardato il nostro Paese". Poi l'affondo: "La gente che trova aiuto e spesso generi di prima necessità lo sa bene. Ma non basta evidentemente a cambiare l'agenda dell'informazione diffusa. Mi chiedo se sia solo questione di ignoranza. O anche di malafede". Concetto ripetuto al suo arrivo ad un convegno a Roma alla Pontificia università Gregoriana. "Speriamo - afferma l'arcivescovo di Genova interpellato dai giornalisti - che la trasparenza dei dati forniti quasi ogni giorno da 'Avvenire' mettano in evidenza le cose e spengano ogni polemica perché non ha fondamento". I radicali vanno all'attacco. Mario Staderini paragona 'Avvenire' alla 'Pravda' di sovietica memoria e commenta: "Passata la festa, gabbato lo santo. Quando la pressione dell'opinione pubblica metteva paura, Bagnasco faceva aperture e ammetteva l'esistenza di un problema. Ora che in Parlamento il pericolo è scampato, il presidente della Cei torna a pontificare e alzare il muro di gomma". Bagnasco specifica, al 'Corriere', che "le tasse non sono un optional e l'esenzione dell'Ici per talune categorie di enti e di attività non è un privilegio. E' il riconoscimento del valore sociale dell'attività che viene esentata e che non riguarda solo la Chiesa ma anche altre confessioni religiose e una miriade di realtà no profit". Ripete: "Eventuali casi di elusione relativi a singoli enti, se provati, devono essere accertati e sanzionati con rigore: nessuna copertura è dovuta a chi si sottrae al dovere di contribuire al benessere dei cittadini attraverso il pagamento delle imposte". Ribadisce: "Siamo disposti a valutare la chiarezza delle formule normative vigenti, con riferimento a tutto il mondo dei soggetti e delle attivita non profit oggetto dell'attuale esenzione". Un concetto scandito di nuovo con i cronisti che lo fermano alla sua uscita dalla Gregoriana. La Chiesa, spiega, è disposta ad "alcune precisazioni laddove nella formulazione di qualche punto della legge queste precisazioni si rivelino necessarie". I vescovi, ad ogni modo, non sono "per niente" preoccupati dall'atteggiamento del governo Monti, che ieri ha dato parere favorevole ad un ordine del giorno parlamentare sul tema.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina