lunedì 05 dicembre | 17:52
pubblicato il 05/giu/2014 13:17

Centrodestra: Cicchitto prende distanze da Schifani, con Renzi fino 2018

Centrodestra: Cicchitto prende distanze da Schifani, con Renzi fino 2018

+++''Staccare la spina a Renzi e' regalargli maggioranza straripante''+++.

.

(ASCA) - Roma, 5 giu 2014 - La scommessa lanciata dal Nuovo centrodestra sul fronte delle riforme per il rilancio del Paese e' ''una impresa da far tremare i polsi e che richiedera' i tempi politici, parlamentari ed amministrativi tali da arrivare presumibilmente fino al 2018. Evidentemente questo auspicio dovra' fare i conti con la capacita' reale del governo di realizzare il programma e con tutti gli imprevisti che questo mondo in ebollizione puo' presentare''.

E' quanto afferma Fabrizio Cicchitto del Ncd, che prende cosi' le distanze dalla posizione assunta dal collega di partito, Renato Schifani e getta acqua fredda sulle profferte di collaborazione e riavvicinamento da questi espresse a Forza Italia.

''Anche la cosiddetta ricostruzione del centrodestra e' tutt'altro che all'angolo della strada e richiede i tempi necessari - chiarisce Cicchitto, confermando le divergenze esistenti all'interno del partito questo fronte -. Allo stato, noi del Ncd siamo in dissenso da Forza Italia sul governo, sulla leadership e sul tipo di partito. Con An e la Lega siamo in dissenso sulla strategia di fondo, cioe' sulla politica europea, e sulla collocazione nel Ppe. Ma per molti aspetti anche una vasta parte di Forza Italia e' in dissenso sulle posizioni lepeniste anche se Toti cerca di salvare capre e cavoli''. ''In una situazione del genere togliere la spina al governo dopo il semestre europeo per andare ad elezioni anticipate significherebbe solo regalare a Renzi una maggioranza straripante e a far fare a noi del centrodestra una fine ingloriosa, beffardamente intitolata dal Giornale ''tanto rumore per nulla'' nel senso che ci saremmo separati da Fi per mantenere le poltrone di governo un anno e mezzo in piu' - aggiunge Cicchitto -. Ma il Ncd e' nato con una ambizione molto piu'alta, quella di rifondare l'area di centrodestra alle radici per renderla competitiva con Renzi e non per costruire una sorta di opposizione di sua maesta' controllata militarmente da Berlusconi col suo cerchio magico a conclusione di un ciclo politico che ha avuto i suoi momenti davvero alti fino al 2010''. ''Per realizzare l'obiettivo di un centrodestra competitivo - conclude - occorrono idee, programmi, la crescita di un nuovo leader,impegno politico e culturale e anche del tempo''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari