lunedì 20 febbraio | 21:21
pubblicato il 23/mag/2011 18:53

Cei: Politica inguardabile, basta invettive e rissa continua

Bagnasco apre assemblea generale: Nuova generazione di cattolici

Cei: Politica inguardabile, basta invettive e rissa continua

Città del Vaticano, 23 mag. (askanews) - La politica è diventata "inguardabile". Il cardinale Angelo Bagnasco aveva già fatto appello, nei mesi scorsi, al "disarmo" della politica italiana, alla necessità di svelenire un clima di "tranelli" incrociati e crisi istituzionale, al bisogno di maggiore "sobrietà" da parte dei protagonisti della scena partitica italiana. Non era mai giunto, però, a parlare di una politica "inguardabile" e sceglie di farlo a pochi giorni da ballottaggi che coronano un crescendo di polemiche che l'episcopato italiano ha guardato con sempre maggiore apprensione. "La politica che ha oggi visibilità è, non raramente, inguardabile, ridotta a litigio perenne, come una recita scontata e - se si può dire - noiosa", ha detto Bagnasco nella prolusione di apertura dell'assemblea generale dei vescovi di primavera. "E' il dramma del vaniloquio, dentro - come siamo - alla spirale dell'invettiva che non prevede assunzioni di responsabilità. La gente è stanca di vivere nella rissa e si sta disamorando sempre di più. Gli appelli a concentrarsi sulla dimensione della concretezza, del fare quotidiano, della progettualità, sembrano cadere nel vuoto". Bagnasco non lesina poi critiche ad una stampa "che appare da una parte troppo fusa con la politica, tesa per lo più ad eccitare le rispettive tifoserie, e dall'altra troppo antagonista, e in altro modo eccitante al disfattismo". Ovviamente non prende posizione nella competizione elettorale, Bagnasco, ma sembra indicare che i vertici della Chiesa guardano ormai oltre l'attuale frangente e l'attuale classe dirigente. La Cei - spiega tornando sul 'refrain' di una "nuova generazione di politici cattolici" - è impegnata a "preparare una generazione nuova di cittadini che abbiano la freschezza e l'entusiasmo di votarsi al bene comune". Nel suo intervento di apertura del 'parlamento' dei vescovi italiani, che si riunisce da oggi a venerdì in Vaticano, Bagnasco tocca i vari capitoli cari alla Chiesa, dalle politiche per la famiglia al contrasto alla disoccupazione, dall'approvazione del testamento biologico senza tatticismi e con un'ampia convergenza in Parlamento alla necessità di non sottrarre risorse per la scuola al problema dell'immigrazione, rispetto al quale "non tutto ha prontamente funzionato" in Italia ma anche l'Europa dovrebbe dimostrarsi più solidale. E' tuttavia il quadro generale della società italiana che sembra preoccupare di più Bagnasco. "Corrompere i costumi, e ancor più il modo di pensare - da qualunque parte provenga -, è un crimine contro Dio, la persona e la società intera", afferma il capo dei vescovi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia