sabato 03 dicembre | 14:45
pubblicato il 04/dic/2014 20:18

Cav vuole giocare partita Colle e tenta di ricucire con Fitto

Ribadisce no alle preferenze. "Mafia a Roma? No, sono ladri"

Cav vuole giocare partita Colle e tenta di ricucire con Fitto

Roma, 4 dic. (askanews) - Il tentativo di "virare" la comunicazione su contenuti e programmi passa attraverso la registrazione di un videomessaggio per promuovere la proposta della flat tax. Ma lo sforzo non può che risultare vano se, nella stessa giornata, da un lato Silvio Berlusconi rilancia, con un intervista all'Huffington post, le sue condizioni per il prossimo inquilino del Colle e dall'altra incontra a pranzo il capo della minoranza interna, Raffaele Fitto. Inevitabile che a dominare l'attenzione siano le manovre politiche e le beghe interne a Forza Italia. Due questioni che, per altro, sono alla fine strettamente connesse. Perché il leader azzurro, per restare contraente credibile del patto del Nazareno ed essere giocatore della partita quirinalizia, ha la necessità di compattare le sue truppe e dunque affrontare il "nodo Fitto".

Un aspetto che gli è alquanto chiaro se è vero che, più di una volta nelle ultime settimane, Berlusconi ha dovuto mettere da parte la sua istintiva voglia di cacciare l'eurodeputato pugliese per invitarlo a un confronto chiarificatore. D'altra parte ci sono volute le ambasciate di Denis Verdini e Gianni Letta, entrambi presenti con Niccolò Ghedini al pranzo a palazzo Grazioli, perché l'incontro si tenesse. Il Cav pare non fosse particolarmente predisposto, infastidito, com'era, dall'atteggiamento avuto da Fitto subito dopo l'ultimo ufficio di presidenza. "Ma come, noi facciamo una bella discussione per il rilancio di Forza Italia e appena lui si trova davanti alle telecamere parla dell'azzeramento della cariche", si sarebbe sfogato Berlusconi.

Il colloquio di oggi, comunque, rientra in una strategia della distensione. Lo stesso Fitto alla fine parla di incontro "interlocutorio ma positivo" che però dovrà continuare. E' assodato che le posizioni di partenza restino alquanto lontane. Come dimostra il fatto che il pranzo sia stato preceduto dall'ennesima bocciatura da parte di Berlusconi di quello che è ormai il cavallo di battaglia fittiano: le primarie. "Io - insiste - sono convinto che siano un pessimo strumento per la scelta dei candidati leader".

Risolvere i dissidi interni resta però al momento una necessità di Berlusconi. Se ne sarebbe reso conto anche Angelino Alfano che, non a caso, in questi ultimi giorni non spinge più con tanta insistenza sulla questione dell'unità del centrodestra. Il leader di Ncd, infatti, avrebbe lasciato in stand by la possibilità di un incontro con l'ex premier anche per il timore di essere usato in chiave "anti-Fitto".

Perché Berlusconi ha bisogno di "controllare" una vasta area di consenso interno per avere voce in capitolo nell'elezione del successore di Napolitano. "Mi aspetto un percorso di condivisione - spiega all'Huffington - il quale, al di là delle procedure che si seguiranno, consenta a questo Paese di avere un presidente della Repubblica che non sia solo espressione della sinistra, come è stato con gli ultimi presidenti, ma sia una figura di massima garanzia e di rappresentanza di tutti gli italiani". Un paletto che Berlusconi prova a piantare, così come ci tiene a ribadire la sua posizione su un altro tema su cui non ha mai cambiato idea: il no alle preferenze. Anzi, le recenti vicende romane lo avrebbero convinto ancora di più in questa convinzione. E questo sebbene Berlusconi abbia confidato qualche perplessità su questa inchiesta: associare la Capitale alla parola mafia - avrebbe affermato - fa male all'immagine dell'Italia all'estero. Qui si tratta soprattutto di criminali e ladruncoli che ovviamente devono per questo essere punti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari