domenica 26 febbraio | 11:56
pubblicato il 07/mar/2012 21:23

Cav lascia spazio ad Alfano. E Pdl fa voce grossa sulla Rai

Forfait a vertice deciso con Berlusconi. Ma resta nodo leadership

Cav lascia spazio ad Alfano. E Pdl fa voce grossa sulla Rai

Roma, 7 mar. (askanews) - Quando si dice che la toppa è peggio del buco. Perchè è vero che Silvio Berlusconi decide di rinunciare last minute alla sua ospitata a 'Porta a Porta', ma spiega anche che la scelta è stata determinata dalle "polemiche dei giorni scorsi sul ruolo di Alfano" e che "una sua presenza in parallelo con il segretario del Pd avrebbe creato sgradevoli equivoci sulla leadership operativa del Pdl". Raccontano che la spiegazione, così ben pubblicizzata in una nota di Bruno Vespa, non sia stata affatto gradita da Angelino. Anche perchè fa il paio con quel "quid" in meno che il Cavaliere gli aveva 'rimproverato' qualche giorno fa. Ma il rapporto tra il segretario del Pdl e il Cavaliere, viene spiegato, è tale che parlare di 'scontro aperto' è inverosimile. Non è un caso se a sera Alfano mette le mani avanti e si affretta a definire "indissolubile" il suo legame sia "politico" che "umano" con Berlusconi. Piuttosto negli ultimi tempi il segretario avrebbe provato a rivendicare maggiore spazio e visibilità. Spazio che peraltro oggi si è intestato annunciando la sua intenzione di non partecipare al vertice a palazzo Chigi con Monti e gli altri segretari della 'strana maggioranza'. Decisione che il Cavaliere avrebbe pienamente condiviso prima di prendere il volo per festeggiare in Russia la vittoria di Putin. Un modo, insomma, per far riprendere al Pdl centralità nel dibattito politico, mettere sul piatto del governo le proprie 'azioni di maggioranza' e allo stesso tempo far passare in secondo piano le divisioni interne e l'appannamento della leadership del segretario. A scatenare la protesta che ha portato al forfait di Alfano e poi al rinvio sine die del vertice, sono state la questione giustizia (leggi l'incontro di ieri tra il ministro Severino e Bersani e Casini), ma soprattutto la convinzione che Pd e Terzo Polo abbiano già fatto un accordo per intervenire sulla governance della Rai, lasciando fuori il Pdl. E' questo - è noto - è tema sensibile, non solo per il Cavaliere, come dimostra la partita del beauty contest e il colloquio di un'ora che oggi il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri ha avuto con Monti. Ma anche per molti ex An che avversano fortemente l'ipotesi che l'esecutivo Monti metta mano alla legge Gasparri.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech