martedì 24 gennaio | 13:14
pubblicato il 07/giu/2013 17:40

Cattolici: Costalli (Mcl), recuperare unita'. In autunno nuova Camaldoli

(ASCA) - Roma, 7 giu - ''L'appello ai cattolici e' di recuperare l'unita' e il lavoro fatto a Todi 1 e 2 per mettere insieme un lavoro che ci porti in autunno a quella che chiamiamo una 'nuova Camaldoli' cioe' ad una nuova formulazione di un programma in cui i cattolici possono portare le proprie posizioni''. Lo ha dichiarato il presidente del Movimento cristiano lavoratori, Carlo Costalli aprendo i lavori del Consiglio generale Mcl riunito a Roma oggi e domani per fare il punto sulla situazione politica italiana.

Una 'nuova Camaldoli' ispirata al documento programmatico del luglio 1943 stilato da circa cinquanta esponenti cattolici che servi' come linea politica per la Democrazia Cristiana nel dopoguerra.

Il mondo cattolico, ha sottolineato Costalli, ''non deve arrendersi al declino: dobbiamo dare sempre piu' forza e continuita' a una linea di presenza, partendo dai contenuti, rafforzando le reti che abbiamo costruito, recuperando il meglio anche dal lavoro fatto con il Forum del lavoro, fino a Todi 2''.

Tra le proposte del Mcl il lavoro e' la ''priorita' assoluta'' da rilanciare con un ''fisco piu' leggero per imprese e lavoratori''. Altro punto focale sono le riforme istituzionali: ''La riforma dell'architettura istituzionale - ha spiegato Costalli - deve andare di pari passo con l'approvazione della legge elettorale. Il problema e' che se non c'e' una spinta forte dal basso, le riforme non si faranno mai, per questo il popolo cattolico deve mobilitarsi.

Serve una spinta di classe, questo e' il tema che deve portare avanti il mondo cattolico''.

Terzo punto centrale e' il rinnovamento della politica: ''E' necessario ridare vitalita' e democrazia interna a forze politiche rinnovate che consentano alla societa' di rappresentarsi''.

Per il presidente del Mcl e' inoltre ''una follia andare a votare con questa legge elettorale. Oggi abbiamo un'occasione storica per fare le riforme istituzionali anche perche' c'e' un presidente della Repubblica che ci sta scommettendo tutto.

Questi sono i temi su cui cerchiamo di portare all'unita' il mondo cattolico''.

''I valori non negoziabili sono la base di partenza non di arrivo'', ha concluso Costalli e ''credo che l'elettorato cattolico se motivato bene e' ancora in una percentuale alta, adesso e' ancora smarrito e deluso''. dab/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4