domenica 22 gennaio | 20:02
pubblicato il 22/giu/2013 12:54

Cattolici: Balduzzi, dobbiamo superare la contemplazione delle esigenze

Cattolici: Balduzzi, dobbiamo superare la contemplazione delle esigenze

+++Convegno alla Camera della Associazione Achille Ardigo' su 'Politica e mondi vitali'+++.

(ASCA) - Roma, 22 giu - ''Politica e mondi vitali'' e' il tema del convegno che si terra' martedi' prossimo 25 giugno alla Camera dei deputati organizzato dalla Associazione Achille Ardigo'.

Si tratta per l'associazione della sua prima uscita pubblica importante ed e' significativo e programmatico il suo riferimento ad Achille Ardigo', sociologo ed esponente di rilievo ancora oggi riferimento culturale e politico per il movimento dei cattolici democratici in Italia.

Il convegno, che si svolgera' nella Sala Aldo Moro di Montecitorio, sara' aperto dall'ex ministro e oggi deputato di Scelta civica Renato Balduzzi. Seguira' l'intervento di Giuseppe De Rita a cui seguira' un dibattito che sara' chiuso da Gaetano Piepoli.

A Balduzzi, promotore e motore dell'Associazione, l'Agenzia Asca ha chiesto di spiegare il senso e la finalita' del convegno.

D - Se e' chiaro il vostro riferimento ad Achille Ardigo' che vi colloca nel filone cattolico democratico, qual e' il progetto che vi muove?.

BALDUZZI - ''Con alcuni parlamentari ed esponenti dell'associazionismo stiamo costituendo questa associazione che ha lo scopo di riprendere un'attivita' di produzione di cultura politica che nel tempo ci e' sembrata rimanere al solo livello di esigenze.

Non e' quindi un caso che ci siamo rifatti ad Ardigo' che aveva molto a cuore questo tipo di preoccupazione e per tutta la sua vita ha anche fatto cultura politica. Sia quando faceva direttamente politica sia quando ha svolto altri ruoli, nell'accademia, nella professione. Il senso e' proprio quello: rimettere in movimento un circuito positivo di persone che non si limitino a dire che alcune cose non vanno ma che bisogna farle. C'e' una storia da rispolverare e da continuare. Fare, mettendo insieme dei 'mondi vitali' come diceva proprio Ardigo'. Ricordo un suo libro di piu' di 30 anni fa intitolato Crisi della governabilita' e mondi vitali, una specie di profezia sull'oggi''. D - Cosa intendete con la indicazione a superare la critica negativa e l'invito a fare? Puo' citare un esempio legato ai nostri giorni?.

BALDUZZI - ''Se noi pensiamo di governare una societa' complessa solo agendo sulle sue regole, le regole istituzionali, sbagliamo tutto. Una riflessione sulle regole istituzionali va fatta, alcune regole vanno cambiate, ma il problema di fondo della governabilita' di una societa' complessa, sta nel riuscire a raccordarci coi mondi vitali, dell'associanismo, delle categorie economiche, del terzo settore, con una andata e ritorno tra questi e il Palazzo dell'istituzione politica: questo e' il problema di fondo. Le regole sono importanti ma da sole non bastano, ci vuole una cultura politica che le sostanzi e che dia una visione''. D - Quale differenza -se c'e'- con il convegno Todi3?.

BALDUZZI - ''Quello e' un appuntamento che non nasce oggi.

E' un appuntamento che quell'associazione promuove da molti anni, prima si riuniva Bose adesso si riunisce a Todi. E' una convergenza di fondo attraverso percorsi che sono differenti anche se affini. La matrice e' sempre la stessa, cioe' la capacita' di declinare in modo aperto le esigenze perenni, di fondo, dell'ispirazione cristiana con il cambiamento e la novita', con le sfide del mondo in cui viviamo. Sono storie differenziate, dovute alla diverse esperienze della vita, ma che trovano un coagulo. Qualcuno potrebbe chiedersi perche' allora non c'e' una sola etichetta, ma il problema non e' di etichette o di bandiere, il problema e' quello che 'chi ha piu' filo tesse'.

Ora, diversamente dal passato, i fili sono di tessiture diverse ma il problema e' sempre quello: riuscire a tessere.

Il problema oggi e' quindi quello di raccordi, di fare rete.

Soggetti e persone con storie diverse che si parlano e si invitano reciprocamente. Il senso dell'Associazione Ardigo' e' proprio quello di passare dalla contemplazione delle difficolta', dall'elenco delle esigenze, all'azione concreta, di cultura politica''.

D - Ma, concretamente, qual e' il vostro progetto?.

BALDUZZI - ''Quella dell'associazione Ardigo' e' un primo momento, e' una partenza verso punti del territorio dove alzare antenne: questa e' la sua genesi e l'ambizione. Va sottolineato che pur nata tra alcuni parlamentari di Scelta civica e' un'iniziativa aperta, purche' si voglia superare la contemplazione delle esigenze''.

min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4