domenica 04 dicembre | 07:30
pubblicato il 05/set/2014 10:47

Caso Toni-De Palo: M5S, bisogna desecretare documenti. Ora la verita'

(ASCA) - Roma, 5 set 2014 - ''Siamo vicini alle famiglie dei giornalisti Toni e De Palo nella giusta richiesta che sia fatta piena luce su quanto accaduto attraverso la reale desecretazione dei documenti che riguardano il loro caso''. I membri M5S del Copasir esprimono piena solidarieta' e volonta' di trasparenza nei giorni che ricordano il 34esimo anniversario della scomparsa dei giornalisti a Beirut. ''Il tempo e' scaduto, il segreto di Stato dopo 30 anni e' decaduto. Tutti i documenti, anche i piu' sensibili, devono essere desecretati - aggiungono -. Il capo del Governo deve dare un seguito reale alle promesse, non continuare a fare annunci e ignorare il dolore dei familiari, a cui ancora oggi sono negati i resti dei propri cari''. I membri M5S del Copasir sottolineano anche che ''rompere il silenzio su questi omicidi e' necessario per il rispetto che si deve ai tanti giornalisti che rischiano la vita nei diversi fronti di guerra per informare l'opinione pubblica''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari