sabato 25 febbraio | 19:27
pubblicato il 17/ott/2014 17:30

Caso Ruby, dimissioni giudice Tranfa ufficiali da metà mattina

In pensione con 15 mesi di anticipo, contrasto con colleghi

Caso Ruby, dimissioni giudice Tranfa ufficiali da metà mattina

Milano, 17 ott. (askanews) - Il giudice Emilio Tranfa si è dimesso ufficialmente dalla magistratura intorno a mezzogiorno e mezzo di oggi. Soltanto a quell'ora, infatti, la sua lettera di dimissioni è arrivata sul tavolo della presidenza della Corte d'Appello di Milano. L'ufficialità sul gesto choc del presidente del collegio d'Appello che ha assolto Silvio Berlusconi dal processo Ruby e che ha deciso di lasciare la magistratura in palese contrasto con gli altri due giudici a latere del suo collegio, insomma, è arrivata quando la notizia era già abbondantemente rimbalzata su vari organi di stampa.

Da quanto si è saputo, tuttavia, Tranfa già ieri aveva anticipato con una comunicazione agli uffici Inps la sua decisione di andare in pensione con 15 mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech