domenica 22 gennaio | 07:05
pubblicato il 26/mar/2016 09:47

Caso Regeni, Casini: da egiziani vogliamo verità, non false piste

"Non arretrare di un millimetro, continuare a richiedere giustizia"

Caso Regeni, Casini: da egiziani vogliamo verità, non false piste

Roma, 26 mar. (askanews) - "Capisco le difficoltà degli egiziani, ma servire ai media una pista così improbabile, con i rapinatori - guarda caso - tutti morti e con i documenti di Giulio Regeni che - guarda caso - ricompaiono intatti a casa della sorella di uno dei presunti assassini, è uno schiaffo all'asserita volontà di cooperazione". E' quanto afferma il presidente della Commissione esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, in un'intervista al "Resto del Carlino".

"La Procura di Roma è guidata da magistrati non politicizzati e certamente non sospettabili di certificare verità di comodo. Proprio le difficoltà e le reticenze incontrate al Cairo dai nostri investigatori rendono evidente l'imbarazzo della controparte", aggiunge Casini, secondo il quale nella vicenda "il nostro comportamento è ineccepibile".

"Di una verità sono certo: non può essere stato il generale al-Sisi né la sua diretta catena di comando a macchiarsi di un delitto così efferato. Appartiene invece al tragico gioco delle possibilità che apparati interni del regime possano aver commesso un imperdonabile errore. Qualsiasi verità, pur amara, sarebbe comunque preferibile a una verità di comodo", prosegue l'esponente dell'Udc, che a chi gli domanda poi quali carte abbia l'Italia, risponde così: "Solo una: non arretrare di un millimetro e continuare a richiedere giustizia. Il giorno in cui cederemo o ci accontenteremo, avremo perso la partita. Una partita in cui non siamo soli. Vigilano - tutti insieme - il Parlamento europeo, l'opinione pubblica internazionale, il network delle più prestigiose università che fanno ricerca sociale e vedono in Giulio Regeni un martire della conoscenza".

"Renzi - continua Casini - ha ben presenti i valori in gioco. Questo caso è drammaticamente serio. Però sarebbe imperdonabile utilizzarlo nel mercato della politica quotidiana". Qual è il limite alla realpolitik? "La dignità nazionale, che non può essere offesa".

Perché Giulio Regeni è stato ucciso? "Perché qualcuno ha pensato che la sua appassionata e documentata attività di ricerca universitaria potesse essere una minaccia". E quanto durerà ancora il braccio di ferro Italia-Egitto? "La solidarietà arrivata dalle università di tutto il mondo, con l'appello firmato da 4600 accademici, testimonia che l'attenzione sul caso travalica i due Paesi e non si spegnerà. L'Egitto dica la verità. È in gioco la sua credibilità. Se non esce da questa storia con le mani pulite - conclude l'ex presidente della Camnera - il regime di al-Sisi si dimostrerà inaffidabile. E vulnerabile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4