domenica 04 dicembre | 09:05
pubblicato il 15/nov/2013 17:21

Caso Ligresti: Molteni (LN), Pd passi da chiacchiere a fatti

Caso Ligresti: Molteni (LN), Pd passi da chiacchiere a fatti

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''Gli ultimi fatti che stanno emergendo sugli intrecci tra il ministro Cancellieri e la famiglia Ligresti confermano quanto la Lega Nord sosteneva gia' dieci giorni fa ovvero che il ministro e' ormai incompatibile con il suo ruolo istituzionale''. Lo dichiara il capogruppo in commissione Giustizia a Montecitorio, il leghista Nicola Molteni.

''Nonostante avessimo chiesto chiarezza al momento dell'informativa non abbiamo ricevuto risposte soddisfacenti e oggi quei fatti assumono un contorno ancora piu' grave. La situazione impone alla Cancellieri un doveroso e necessario passo indietro. E' urgente un immediato disimpegno del guardasigilli rispetto al suo ruolo pubblico per senso di serieta' e credibilita' istituzionale. Ora attendiamo che il Pd dopo che i vari Renzi, Cuperlo e Civati hanno chiesto le dimissioni del guardasigilli facciano seguire alle chiacchiere i fatti'', conclude Molteni.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari