mercoledì 22 febbraio | 17:02
pubblicato il 20/nov/2013 12:50

Caso Ligresti: M5S a Cancellieri, risvolti forse non penali ma penosi

(ASCA) - Roma, 20 nov - Il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, ''con i suoi comportamenti ha perso ogni minima fiducia che noi italiani avevamo nel suo operato''. Lo afferma Andrea Colletti, deputato del Movimento 5 Stelle, intervenendo a nome del gruppo, nell'Aula della Camera, chiamata a votare la mozione di sfiducia al Guardasigilli, presentata proprio dai grillini.

''E' normale mettersi a disposizione di una famiglia in cui Salvatore Ligresti e' condannato? Un ministro deve apparire imparziale agli occhi dell'opinione pubblica'', aggiunge Colletti, secondo cui il ministro ''sta affermando di non aver mentito, forse e' vero. Ma ha omesso di dire la verita'. Il suo comportamento forse non ha risvolti penali ma senza dubbio ha risvolti penosi'', prosegue Colleti.

Quanto al Pd, per il deputato M5S ''Letta ed Epifani preferiscono un ministro che aiuta gli amici ed e' per questo che ieri e' arrivato il diktat di votare contro la nostra mozione. Vergognatevi''.

ceg/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe