domenica 22 gennaio | 15:46
pubblicato il 20/nov/2013 10:56

Caso Ligresti: Leva (Pd), non si poteva andare in ordine sparso

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''Su un tema come questo non era possibile andare in ordine sparso, chi si candida alla segreteria di un partito dovrebbe conoscere le regole della politica. Io stesso nei giorni scorsi avevo invitato i candidati alla segreteria del partito a non declinare questa vicenda nel dibattito congressuale. Negli ultimi giorni c'e' stata una rincorsa a chi aggiungeva una parola''. Lo ha affermato Danilo Leva, deputato e responsabile Giustizia del Partito Democratico, intervenendo questa mattina ad Agora', su Rai Tre. ''Ho sottolineato fin da subito l'inopportunita' di quelle telefonate tra il Guardasigilli e la famiglia Ligresti, soprattutto della prima telefonata. La mozione di sfiducia, pero' - ha concluso Leva - implicava un qualcosa in piu'. Ricordiamoci che stiamo parlando di fatti non penalmente rilevanti, come ha spiegato anche la Procura di Torino''.

com-brm/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4