sabato 03 dicembre | 22:59
pubblicato il 04/nov/2013 11:06

Caso Ligresti: Fava (Sel), mi sarei aspettato un passo indietro

Caso Ligresti: Fava (Sel), mi sarei aspettato un passo indietro

(ASCA) - Roma, 4 nov - ''La telefonata fatta dal ministro di Grazia e Giustizia il giorno dopo un'operazione di polizia giudiziaria come quella che ha colpito la famiglia Ligresti e' un atto politico improvvido''. Cosi' Claudio Fava, deputato di Sel, vicepresidente della Commissione antimafia, stamani ai microfoni di Radio Citta' Futura. ''Mi sarei aspettato - ha aggiunto Fava - un passo indietro che invece non c'e' stato. In questa vicenda, il ministro Cancellieri ha ecceduto le proprie funzioni tra le quali quella di equilibrio che dovrebbe essere propria del suo ruolo''.

Alla domanda sulla minaccia del Pdl di boicottare i lavori della Commisisone antimafia a seguito della nomina di Rosi Bindi come sua presidente, ha risposto: ''Me ne frego di quello che decidera' di fare il Pdl. Se decide di non partecipare, di boicottare, si assumera' una responsabilita' di fronte al parlamento, di fronte al Paese''.

com-sgr/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari