lunedì 23 gennaio | 06:01
pubblicato il 02/nov/2013 17:37

Caso Ligresti: Cancellieri, non mi dimetto. Ho fatto il mio dovere

Caso Ligresti: Cancellieri, non mi dimetto. Ho fatto il mio dovere

(ASCA) - Chianciano Terme, 2 nov - ''Voglio vivere in un paese libero, dove l'onesta' intellettuale e' un patrimonio condiviso, e voglio vivere in un Paese in cui un ministro deve rispettare le leggi ma ha anche il diritto di essere un essere umano''. Lo ha detto il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, a proposito delle polemiche che l'hanno investita dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche che testimoniano del suo interessamento per far ottenere a Giulia Ligresti, all'epoca dei fatti detenuta in carcere nell'ambito dell'inchiesta Fonsai, gli arresti domiciliari. Il ministro, intervenuta al congresso dei radicali a Chianciano Terme, ha sottolineato di aver fatto il suo ''dovere'' intervenendo per Giulia Ligresti, perche' se si fosse uccisa, visto che in carcere rifiutava il cibo, il ministro sarebbe stato ''responsabile''. ''Ho la responsabilita' politica del detenuto - ha rimarcato il ministro -, ho fatto il mio dovere''. Il ministro ha proseguito: ''Vi ricordate il caso di Marco Biagi? Se Giulia Ligresti si fosse uccisa, e io ero al corrente delle sue condizioni, non sarei stata responsabile della sua morte, della morte di una madre con dei bambini?''. Il suo intervento, ha detto ancora, e' stato ''un dovere, un dovere d'ufficio. Dicono: 'ma la Ligresti era un'amica'... E chi se ne frega!. Io ho fatto oltre 100 interventi per persone che ho incontrato nel corso delle mie visite in carcere o i cui familiari si sono rivolti a me. Giulia Ligresti era una persona anoressica in pericolo di vita''. E l'intervento, ha ribadito, e' stato ''solo all'interno del Dap e non con la magistratura''. La Cancellieri ha anche detto di aver parlato della questione con il premier Enrico Letta, ma sui contenuti del colloquio non ha rivelato nulla: ''Chiedete a lui'', si e' limitata a dire. La Cancellieri respinge dunque con fermezza la richiesta di dimissioni arrivate in primis dal Movimento 5 Stelle. ''Dimissioni? Assolutamente no. Si dimette una persona che ha qualcosa da farsi perdonare, la mia coscienza e' a posto''. ''Sono pronta a spiegare - ha aggiunto - e non ho nessuna intenzione di minimizzare ne' di nascondere qualcosa. La magistratura di Torino aveva le intercettazioni, se fossero state rilevanti pensate che non avrebbero fatto niente?''. ''Lo rifarei, certo che lo rifarei'', ha infine detto il ministro della Giustizia ai giornalisti che le chiedevano se tornerebbe ad adoperarsi per la Ligresti. ''Ho la responsabilita' sulle carceri - ha aggiunto a margine del congresso di radicali - e non intendo rinunciarvi''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4