sabato 03 dicembre | 18:58
pubblicato il 15/mag/2014 17:45

Caso Genovese: Schiro', PI per liberta' di coscienza

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''Il Gruppo Per l'Italia votera' secondo coscienza. Non dimentichiamo che esistevano fin dall'origine tutte le indicazioni per la non candidabilita' di Genovese, che consideriamo un rappresentante negativo e antistorico della politica italiana e, permettetemi, soprattutto siciliana: una zavorra sociale del rapporto tra i partiti, il territorio e le Istituzioni''. Lo ha affermato in Aula la vicepresidente del gruppo Per l'Italia, Gea Schiro', durante le dichiarazioni di voto sul caso Genovese.

''Non possiamo, tuttavia, non cogliere alcune incongruenze ed esprimere perplessita' sul fatto che il magistrato abbia prima definito le indagini 'frammentarie e incomplete' e poi emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere sulla base di quest'ultime'', ha poi aggiunto. com-sgr/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari