martedì 17 gennaio | 16:40
pubblicato il 15/mag/2014 12:31

Caso Genovese: Di Lello (Psi), indegno voto di scambio

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''Il parlamento non e' chiamato a fare un processo, ma a valutare se e'giusto decidere della liberta' di un cittadino senza guardare senza guardare al consenso elettorale che puo'derivare''. Cosi' Marco Di Lello, presidente dei deputati Psi e segretario della Giunta autorizzazioni a procedere intervenendo sul caso Genovese. ''Mi fa orrore il solo pensiero che qualcuno possa barattare la galera di Tizio per il voto di Caio. Il piu' indegno dei voti di scambio. Lo slittamento della decisione sull'arresto a dopo le elezioni e' un segno di civilta'. Solo cosi' - conclude Di Lello - il Parlamento potra' decidere liberamente: farlo sotto la spinta dell'opinione pubblica in passato ha mandato in esilio Aristide il Giusto e salvato dalla croce il ladrone Barabba''.

com-sgr/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Ue vuole manovra bis Italia, Gentiloni mercoledì da Merkel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa