sabato 25 febbraio | 02:41
pubblicato il 10/gen/2012 20:30

Caso Cosentino agita Pdl. Lui non molla,in cella da coordinatore

Arma pressione è tenuta Regione Campania. Berlusconi sente Bossi

Caso Cosentino agita Pdl. Lui non molla,in cella da coordinatore

Roma, 10 gen. (askanews) - Chi lo conosce bene assicura che Nicola Cosentino anche oggi - a chi ha provato a sondarlo sulla possibilità di un passo indietro da coordinatore regionale del Pdl in Campania - ha spiegato che, se dovesse finire in galera, lo farebbe restando in carica. Certo, il pressing di una componente importante di via dell'Umiltà per sollecitare le dimissioni dalla guida del partito continua. Ma Cosentino, che non si è fatto vedere oggi alla Camera mentre la Giunta votava sì al suo arresto, per ora non arretra e si mantiene in stretto contatto con Denis Verdini e con altri big del Popolo della libertà. Anche Silvio Berlusconi, giurano i deputati 'cosentiniani', si starebbe spendendo per il suo coordinatore regionale. Deputati e senatori oggi passeggiavano preoccupati in Transatlantico a Montecitorio. Volti tesi e il timore che per Nicola, stavolta, l'Aula possa risultare fatale. Mancano ancora quarantotto ore, le trattative proseguono e sarebbero in cantiere iniziative per 'difendere' l'uomo forte del Popolo della libertà in Campania. La preoccupazione aumenta quando si diffonde la voce che Cosentino, forte di un seguito di assessori e consiglieri regionali consistente, possa addirittura far traballare la Giunta regionale guidata da Stefano Caldoro. Solo voci, un'arma di pressione importante ma che difficilmente si concretizzerà. E c'è già chi nel Pdl lascia intendere che se per Cosentino dovessero aprirsi le porte del carcere, lo stesso potrebbe accadere per esponenti del centrosinistra. Anche un big del calibro di Fabrizio Cicchitto prova a far balenare il dubbio che la vicenda non sia priva di conseguenze a livello nazionale quando afferma: "La Giunta ha commesso un gravissimo errore che ci auguriamo venga corretto dal voto di Aula. Se qualcuno pensa che operazioni di questo tipo non peggiorino il quadro e i rapporti politici sbaglia in modo profondo". In realtà l'allerta, nel Pdl, è altissima. I timori sono molteplici: che il voto possa servire a colpire anche Verdini, politicamente molto vicino a Cosentino. Che dall'ex An qualcuno - al momento del voto - possa dissentire dalla linea del partito. Ma anche che quanto accade a Cosentino possa rappresentare il primo tassello di un radicale cambiamento dell'intero quadro degli equilibri campani, questa volta per via giudiziaria. Certo è che la speranza, come spesso accade, è fondata soprattutto sul segreto dell'urna. Sui leghisti è in atto un pressing di Silvio Berlusconi, che già ieri avrebbe sentito al telefono Umberto Bossi per reclamare un'inversione di rotta, puntando il dito sul "giustizialismo" dell'ala capitanata da Roberto Maroni. C'è chi spera anche nell'Udc, anche se i più maliziosi ritengono che la caduta di Cosentino possa aprire praterie per i centristi campani. Certo è che anche del caso Cosentino Berlusconi parlerà stasera con i vertici del partito. E non sono escluse pubbliche prese di posizione in difesa del coordinatore regionale campano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech