sabato 25 febbraio | 21:56
pubblicato il 31/mag/2012 21:45

Casini vede Fini che vede Montezemolo, si riaffaccia listone

Come in gioco oca si riparte dal via:confronto su progetto comune

Casini vede Fini che vede Montezemolo, si riaffaccia listone

Roma, 31 mag. (askanews) - Una telefonata serale con Luca Cordero di Montezemolo, che aveva incontrato già stamane. Un lunghissimo faccia a faccia con Pier Ferdinando Casini, dopo le difficili settimane seguite allo schiaffo elettorale che ha portato il leader Udc ad archiviare il Terzo Polo. Gianfranco Fini, nel suo studio di Montecitorio, ha raggiunto oggi un primo obiettivo, quello di riaprire un canale di comunicazione (peraltro ufficiosamente mai interrotto) dopo le parole definitive pronunciate non più di qualche settimana fa da Casini sulla sorte dell'alleanza. E, come in un gigantesco gioco dell'oca, i tre leader sono tornati a ragionare di un'ipotesi - per ora solo teorica - già vagliata mesi fa. Quel listone civico nazionale che potrebbe tenere assieme le aspirazioni di Montezemolo e le speranze di due partiti, Fli e Udc, che per ragioni diverse vivono un momento di estrema difficoltà. Solo un primo giro d'orizzonte, naturalmente. Complicato, tra l'altro, dalla circostanza che nel corso del pomeriggio sono via via trapelate le indiscrezioni sui contatti tra Fini e Montezemolo, tra il presidente della Camera e il leader Udc. Il numero uno Ferrari avrebbe preferito un approccio più 'riservato', Casini non avrebbe gradito la scelta mediatica del leader di Fli di ritagliarsi un ruolo di mediatore in questo schema a tre. Al quale oggi non ha preso parte, fra l'altro, Francesco Rutelli. Riparte insomma il dialogo, secondo i più ottimisti addirittura un progetto. Presto per dire se non si tratti solo di un fragile confronto destinato a svanire. Certo, le incognite restano molte. Montezemolo non ha ancora sciolto la riserva sulla sua discesa in campo. Ma sono soprattutto Fini e Casini a dover registrare le resistenze di una parte consistente dei rispettivi partiti, dove non tutti gradiscono un eventuale progetto comune capace di indebolire le rispettive strutture. Certo Fli potrà già discuterne nel corso di un ufficio di Presidenza convocato per mercoledì prossimo. E certamente Casini non ha nascosto a molti dei suoi dirigenti tutta la delusione per l'atteggiamento del Pdl e di Alfano, incapace di evitare una conferenza stampa - quella del segretario con il Cavaliere - in cui "l'unica notizia era l'autocandidatura di Berlusconi al Quirinale". Certo è che se mai un progetto comune dovesse decollare - come al momento sembra desiderare soprattutto Fini - si dovrà anche identificare il candidato premier di un eventuale listone civico nazionale. E se valesse anche per questa complicata scelta nuovamente il gioco dell'oca, Mario Monti sarebbe in pole position.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech