lunedì 05 dicembre | 01:52
pubblicato il 17/feb/2012 20:47

Casini spariglia a centro e agita Pdl,Berlusconi convoca summit

Nodo amministrative da sciogliere, ma testa su processi e aziende

Casini spariglia a centro e agita Pdl,Berlusconi convoca summit

Roma, 17 feb. (askanews) - Silvio Berlusconi se ne sta a Milano, con la testa - dice un po' sconsolato chi gli ha parlato - sulle sue aziende e i suoi processi: il calo della pubblicità per Mediaset, i pm di Milano che incombono tra Mills e Ruby e poi - l'ex premier ci pensa in continuazione - l'attesa per l'esito del ricorso di Fininvest sul Lodo Mondadori e il rischio di dover sganciare al nemico numero uno, Carlo De Benedetti, 564 milioni di euro. Tutt'intorno il Pdl continua a vivere momenti di fibrillazione. Angelino Alfano ha provato a mettere una toppa all'affaire tesseramento, assicurando che ci sarà vigilanza sugli iscritti 'a loro insaputa' e che i congressi sul territorio proseguiranno. Ma davanti c'è anche la necessità, che comincia a diventare stringente, di 'chiudere' sulle amministrative: bisogna sciogliere il nodo dei candidati a Genova e a Palermo (dove il Terzo Polo presenta un suo candidato), ma anche a Lecce e Verona dove c'è da fare i conti con la candidatura del leghista Flavio Tosi. Ed è anche per dare un 'segnale di vita' che Silvio Berlusconi ha deciso di convocare per lunedì sera a Villa Gernetto i vertici del partito e gli amministratori locali con l'obiettivo di ridare animo alle truppe e cercare di accelerare la pratica. Il punto è che l'orizzonte del voto amministrativo sta facendo riemergere le mai sopite lotte intestine tra falchi e colombe, con voci di scissioni o di imminenti addii che si moltiplicano. E' dunque altamente probabile che i conti si faranno dopo il test elettorale per il quale - per inciso - il Pdl si prepara al peggio. Berlusconi, a chi gli chiede lumi sul rapporto con la Lega, ribadisce che bisogna insistere perché ci sono margini per mantenere l'alleanza nelle città del Nord. Allo stesso tempo, però, Angelino Alfano continua a coltivare la possibilità di un asse con Pier Ferdinando Casini in vista del voto del 2013. Da qualsiasi parte il Pdl dovesse pendere, tuttavia, il rischio è che si perda per strada qualche pezzo. Anche per questo oggi nel partito di Alfano i riflettori sono stati puntati sull'annuncio del leader Udc di un congresso straordinario. "Noi - ha detto Casini - abbiamo la necessità di creare un contenitore di forze diverse che si ponga l'obiettivo di guidare l'Italia". Insomma un'accelerazione verso un grande partito di centro che è bastata a far agitare il vertice pidiellino che teme un'opa 'bianca'. Qualche giorno fa anche Gianfranco Fini aveva cominciato a parlare della nascita di un partito della nazione, ma da Fli c'è anche chi, come Carmelo Briguglio, mette in guardia dal ripetere gli stessi errori del passato, replicando la nascita del Pdl "Fli e Udc - ha osservato - si devono ritrovare, insieme a Mpa e Api, in un rassemblement, in un'alleanza, in una federazione plurale, ma non in un partito unico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari