venerdì 02 dicembre | 23:50
pubblicato il 01/feb/2014 17:54

Casini: Pisicchio (Cd), c'e' ancora spazio per centro riformista

(ASCA) - Roma, 1 feb 2014 - ''L'intervista di Casini non contiene soltanto la dichiarazione di un ritorno alle origini ma anche un' esplicita adesione al bipartitismo della legge elettorale Renzi-Berlusconi e alla sua filosofia della normalizzazione. Crediamo invece che esista ancora una ragione ed una prospettiva politica per un centro democratico, essenziale per consentire un equilibrio in una alleanza necessaria con le forze riformiste''. Lo afferma il presidente del gruppo Misto alla Camera e vicepresidente di Centro Democratico Pino Pisicchio. ''Per quel che riguarda la legge elettorale - prosegue - continueremo a batterci in Parlamento per migliorare un testo che, cosi' come si presenta, appare viziato dagli stessi problemi di costituzionalita' del porcellum. Chiederemo, inoltre, lealta' nei confronti degli Italiani sulla questione delle riforme: non si potra' tornare alle urne per eleggere nuovamente un Parlamento bicamerale che tutti dichiariamo di voler superare''. com-sgr/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari