martedì 21 febbraio | 17:53
pubblicato il 11/feb/2011 21:55

Casini: Grande coalizione tra compatibili Pdl-Pd-Terzo Polo

No alle ammucchiate di tutti contro

Casini: Grande coalizione tra compatibili Pdl-Pd-Terzo Polo

Roma, 11 feb. (askanews) - In Italia è necessario che "si mettano assieme le persone compatibili di Pdl, Pd e Centro e fare una grande coalizione, in privato tutti ammettono che è l'unica soluzione, mettere assieme la gente migliore, compatibile, non un'ammucchiata per fare scelte non più rinviabili per il paese". Lo ha detto Pier Ferdinando Casini alle Invasioni Barbariche rispondendo a una domanda sulla cosiddetta Santa alleanza. "L'alternativa vera a Berlusconi - ha spiegato il leader dell'Udc - nasce ristrutturando l'area moderata, penso ci voglia un'altra offerta politica, non credo più ai governi uno contro l'altro, nè all'ammucchiata di tutti contro Berusconi, nè di Berlusconi contro la sinistra. Se invece si fa un patto lo si fa per compiere le scelte impopolari che servono al paese, viceversa non si farà mai nulla, si cercherà di sfangarsela rinviando le questioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia