venerdì 09 dicembre | 17:21
pubblicato il 23/nov/2013 12:00

Casini e Mauro varano la "nave Popolare", en attendant Alfano

Ma no a centrodestra.Gruppi autonomi senza Sc. Referendum su nome

Casini e Mauro varano la "nave Popolare", en attendant Alfano

Roma, 23 nov. (askanews) - Varo al teatro Quirino di Roma, cento metri dal Tempio di Adriano dove Angelino Alfano tiene a battesimo i nuovi gruppi parlamentari del centrodestra, per la "nuova nave" dei "Popolari per l'Italia". Riuniti in assemblea all'insegna del popolarismo e del tricolore dalla confluenza fra l'Udc di Pier Ferdinando Casini e Lorenzo Cesa e del ministro Gianpiero D'Alia con la folta pattuglia di parlamentari (ormai ex) Scelta Civica guidati dal ministro Mario Mauro, che la scorsa settimana se ne andarono sbattendo la porta dall'assemblea nazionale del partito di Mario Monti e Alberto Bombassei, prima ancora che i lavori cominciassero. L'immagine della nave l'hanno offerta ad una voce i diretti interessati (appunto Casini, Mauro, D'Alia, etc). E l'hanno pure messa nero su bianco nel documento sottoscritto da tutti i presenti, letto dal palco a due voci dagli attuali presidenti dei gruppi parlamentari di Scelta Civica Lorenzo Dellai (Camera) e Lucio Romano (Senato). I quali però presto si troveranno a presiedere gruppi con gli stessi parlamentari attuali, ma dal nome diverso, mettendo però alla porta i montiani. I quali se alla Camera potranno restare in proprio perchè più di venti, al Senato (sono 8) dovranno o cercare adue senatori oppure ottenere da Pietro Grasso una deroga per non far scomparire da palazzo Madama la dicitura "Scelta Civica". Tutto questo ovviamente non interessa a Mauro e Udc che sui gruppi autonomi tirano dritto, come garantito da Casini ("certamente") e scritto nell'atto di nascita della "nave". "Saranno garantiti autonomi gruppi alla Camera e al Senato, dopo la rottura voluta da altri", si legge. La data di nascita dei nuovi gruppi non è ancora fissata. Prima c'è da formalizzare la scelta del nome. "Popolari italiani" è un'ipotesi. Ma ce ne sono anche altre. E comunque la decisione dovrà attendere l'esito di una sorta di referendum con tanto di urne che oggi è stato condotto al teatro Quirino. Dove a ogni partecipante all'assemblea è stato chiesto di deporre nell'urna la sua proposta. Per vedere cosa piace di più. Con due paletti: richiamo al popolarismo europeo, unità nazionale. Mentre l'incognita maggiore a tutt'oggi non risolta dagli stessi comandanti della nuova nave è il rapporto e la possibilità di confluenza con il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano. Su cui nella stessa "nave popolare" di Casini e Mauro ci sono divergenze. E che comunque sconta una diffidenza e un pregiudizio inziale piuttosto consistente da parte degli alfaniani. Perchè l'area di Cl Lupi-Formigoni non gradisce concorrenze cattoliche. E perchè, almeno per ora, l'ex segretario del Pdl la prua della sua nave la tiene ferma nel solo centrodestra, in una visione bipolare di alternanza. Mentre la "nave popolare" èin un sistema di mare aperto neo-proporzionale che vuole fare rotta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina