venerdì 24 febbraio | 16:35
pubblicato il 31/ott/2014 19:58

Casa di Scajola al Colosseo, Corte d'appello: prescritto reato

L'avvocato: "Finalmente parola fine su questa vicenda"

Casa di Scajola al Colosseo, Corte d'appello: prescritto reato

Roma, (Askanews) - Reato prescritto per l'ex ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola in relazione alla vicenda della compravendita di una casa vicino al Colosseo. La sentenza è della Corte d'appello di Roma, mentre in primo grado Scajola era stato assolto. Soddisfazione da parte dell'ex ministro che, uscito dal Tribunale a Piazzale Clodio, si è mostrato sorridente. A parlare è stato il suo avvocato, Giorgio Perroni:

"Siamo soddisfatti. Tutti gli appelli sono stati rigettati, adesso aspetteremo le motivazioni della sentenza per capire il percorso logico fatto dalla Corte per arrivare a questa decisione". "Finalmente su questa vicenda ci possiamo mettere una pietra tombale".

L'avvocato esclude la possibilità di un ricorso in Cassazione:

"Mi sembra abbastanza difficile. Io penso che questa sia finalmente la fine di questa vicenda in senso positivo per noi".

Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech