mercoledì 22 febbraio | 14:34
pubblicato il 06/nov/2013 11:03

Casa: Confedilizia, fra 23-29 mld costo Imu-Tasi per proprietari

Casa: Confedilizia, fra 23-29 mld costo Imu-Tasi per proprietari

(ASCA) - Roma, 6 nov - ''Il mercato immobiliare e' in piena sofferenza e questo condiziona la ripresa. Siamo l'unico Paese che proprio per questo non l'ha agganciata. Laddove l'immobiliare cresce, la ripresa e' gia' da tempo partita. La proprieta' edilizia ha corrisposto in tre anni 53 miliardi di euro e la legge di stabilita' prevede che ne paghi, nel solo 2014, 23,8 nel caso, del tutto improbabile, che tutti i comuni applichino l'aliquota minima del'Imu-bis, e addirittura 29,1 nel caso in cui i comuni applichino l'aliquota massima''. Lo ha dichiarato il presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, che ha spiegato che ''le maggiori imposte relative agli anni 2012-2014 per effetto dei moltiplicatori Monti e dell'istituzione dell'Imu-bis ammonterebbero a 39,9 miliardi nell'ipotesi minima e a 45,2 miliardi nell'ipotesi di applicazione dell'aliquota massima da parte dei comuni''.

Pertanto, per il presidente dell'associazione, ''e' indispensabile una decisa inversione di tendenza, con un ritocco - perlomeno - dei moltiplicatori Monti e il ripristino della Service tax decisa dal Governo il 28 agosto, al posto del'Imu-bis prevista invece dalla legge di stabilita', sempre basata sui moltiplicatori Monti''.

Le tabelle predisposte dall'ufficio studi della Confedilizia illustrano infatti l'aggravio di tassazione abbattutosi sui proprietari di casa a partire dal 2012, primo anno di applicazione dei moltiplicatori catastali previsti dalla manovra Monti, per i quali la stessa legge istitutiva prevedeva che avessero un carattere di provvisorieta'. Fino al 2011, infatti, l'Ici era applicata su una base imponibile che era di gran lunga inferiore rispetto a quella adottata a partire dal 2012. Per le abitazioni, in particolare, il moltiplicatore da applicare alla rendita catastale ai fini del calcolo dell'imposta e' passato nel 2012 da 100 a 160, con un aumento - quindi - del 60%.

I moltiplicatori Monti sono stati posti a base dell'Imu anche nel 2013 ed essi costituiranno - se il disegno di legge di stabilita' non sara' modificato - anche la base di tassazione per il 2014 sia ai fini dell'Imu sia ai fini della Tasi: l'abnorme aumento della base imponibile catastale dato dall'utilizzo dei moltiplicatori Monti, ha provocato - nel solo anno 2012 - il versamento da parte dei proprietari di casa di maggiori imposte per 14,5 miliardi di euro rispetto al 2011 e di ulteriori 10,8 miliardi di euro nel 2013, sempre rispetto al 2011, per un totale di 25,3 miliardi.

Nel 2014, se il disegno di legge di stabilita' non sara' modificato, le maggiori imposte dovute potranno variare - per effetto del combinato disposto della reiterata applicazione dei moltiplicatori Monti e dell'introduzione della Tasi - da un minimo di 39,9 miliardi a un massimo di 45,2 miliardi, in ragione delle aliquote che saranno applicate dai singoli comuni.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%