lunedì 27 febbraio | 10:58
pubblicato il 12/apr/2011 17:08

Cardinal Bagnasco: 'A politica serve più serenità'

Il presidente della Cei: 'Quello che è importante per il Paese è una condivisione costruttiva delle diverse voci'

Cardinal Bagnasco: 'A politica serve più serenità'

Roma, 13 apr. (askanews) - Serve "maggiore serenità" alla politica italiana impegnata in queste ore alla Camera nella discussione sul processo breve. Ne è convinto il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei. "Al di là del merito quello che è importante per il Paese è una condivisione costruttiva delle diverse voci. Questo fa parte della politica", ha detto l'arcivescovo di Genova interpellato dai giornalisti a margine di un convegno su Giuseppe Siri a Roma. "Al di sopra di tutto ci deve essere il desiderio e la meta concreta del bene comune - ha aggiunto Bagnasco - che è fatto di tanti aspetti che devono essere affrontati in un clima di maggiore serenità. Altrimenti - ha concluso il presidente della Cei - non si va da nessuna parte". Ska/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech