giovedì 08 dicembre | 01:23
pubblicato il 04/gen/2012 19:52

Carceri/ Scintille Polizia-Governo su celle di sicurezza

Prefetto Cirillo le boccia.Severino-Cancellieri: Norme concordate

Carceri/ Scintille Polizia-Governo su celle di sicurezza

Roma, 4 gen. (askanews) - Lungi dall'essere risolta, l'emergenza carceri si allarga al Governo, creando qualche imbarazzo ai ministri della Giustizia Paola Severino e dell'Interno Anna Maria Cancellieri. Il caso è esploso in mattinata, con l'audizione informale in commissione Giustizia al Senato del prefetto Francesco Cirillo, vicedirettore generale della Pubblica sicurezza: nell'occasione il numero due della Polizia era anche portavoce dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, ed ha espresso una serie di critiche alle norme sulla custodia degli arrestati in flagranza nelle celle di sicurezza (in luogo del carcere). Seccata la replica del Guardasigilli, che ha ricordato come le norme siano state adottate d'intesa col Viminale; che in serata si è riallineato, con la dichiarazione della Cancellieri a sostegno del decreto e della collega di Governo. "Il detenuto sta molto meglio in carcere", è stata la cruda sintesi di Cirillo, secondo il quale Polizia e Carabinieri "nascono per stare per la strada e la polizia penitenziaria nasce per stare nelle carceri. Noi non siamo addestrati né organizzati per fare questo tipo di lavoro". Inoltre sono troppo poche e non rispettano "la dignità" dei detenuti le 1057 celle di sicurezza a disposizione di Polizia, Carabinieri e Finanza. Parole un po dissonanti rispetto al documento scritto consegnato da Crillo ai senatori. Nel quale si riconosce che "gli approfondimenti" fra i tecnici dei due ministeri hanno consentito, prima del varo del decreto, di "conciliare le esigenze di alleggerimento del circuito carcerario con quelle di sicurezza e di carichi di lavoro per il personale delle forze di polizia" escludendo "ipotesi non condivise". Cirillo ha fatto un accenno sferzante anche sul braccialetto elettronico, citato nelle dichiarazioni programmatiche dalla Severino ma per ora fuori dalle proposte del Governo: "Costano cinquemila euro l'uno, fossimo andati da Bulgari avremmo speso di meno..:". "Le forze di polizia compiranno fino in fondo il loro dovere", ha garantito il prefetto a fine audizione, ma la sua precisazione non ha evitato l'evidente irritazione della Severino, che arrivando al Senato per la seduta pomeridiana della commissione ha ricordato come la norma sia stata "totalmente concordata con il ministero dell'Interno alla presenza dei vertici delle forze di polizia". E a fine riunione ha sottolineato nuovamente che "le Camere di sicurezza sono state giudicate idonee dal ministero dell'Interno". Ma a quel punto dal ministero dell'Interno è giunto l'atteso segnale di chiusura della polemica: le norme del decreto, ha precisato in una nota la titolare del Viminale sono frutto di "una decisione condivisa avvenuta dopo aver valutato sia le condizioni delle infrastrutture sia l'aggravio di lavoro per le Forze di polizia che si sono fatte carico responsabilmente di questo ulteriore compito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni