venerdì 24 febbraio | 07:57
pubblicato il 08/gen/2013 16:52

Carceri: Pisapia, condanna Cedu prevedibile, serve riforma strutturale

(ASCA) - Milano, 8 gen - ''La sentenza di condanna per l'Italia da parte della Corte di Strasburgo, sul tema del sovraffollamento delle carceri, era, purtroppo, prevista e prevedibile. Si conferma, ancora una volta, come una riforma complessiva del sistema penale, partendo dalla necessita' di un nuovo Codice che sostituisca quello vigente che risale al periodo fascista non sia piu' procrastinabile. Le carceri scoppiano e sono sempre piu' disumane, in aperto contrasto con l'art. 27 della Costituzione. Una vera riforma della Giustizia e' ormai un problema strutturale, non emergenziale e va dunque risolto con misure altrettanto strutturali. In particolare, sono convinto che si debba puntare con determinazione a uscire dalla logica per cui il carcere sia l'unica sanzione penale. Come dimostra l'esperienza, infatti, vi possono e vi debbono essere, evidentemente in presenza di reati non di sangue e di non grave allarme sociale, pene piu' efficaci a livello preventivo e repressivo. Cio', oltretutto, farebbe diminuire la recidiva, il numero dei reati e, nel contempo, accelererebbe i tempi della Giustizia tutelando meglio le vittime dei reati''. Cosi' il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, commenta la sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani che condanna l'Italia per il sovraffollamento delle carceri. ''Come ha giustamente ricordato il Garante dei detenuti del Lazio - prosegue Pisapia - in Parlamento e' ferma da tempo una proposta di riforma elaborata dalla Commissione ministeriale, che ho avuto l'onore di presiedere, composta da numerosi professori universitari, avvocati e magistrati.

Salvo alcune indicazioni recepite a larga maggioranza, quella riforma non ha mai visto la luce, ma risponde esattamente a quanto chiede la Corte Europea dei diritti umani: il progetto di riforma del Codice Penale prevede, infatti, pene principali diverse da quelle carcerarie e quindi gia' irrogate dai giudici di merito, quali detenzione domiciliare, pene interdittive, pene prescrittive, messa alla prova anche per imputati maggiorenni, lavori socialmente utili o finalizzati al risarcimento dei danni. Il carcere, che e' un'istituzione totale deve essere l'ultima ratio. Tutto cio', naturalmente, non in presenza di reati di sangue o di gravi condotte penalmente rilevanti''.

Da Pisapia anche una precisazione sulla situazione milanese: ''Tra pochi giorni - assicura - sara' nominato il Garante dei detenuti, figura istituita in una seduta straordinaria del Consiglio Comunale che si e' tenuto nel carcere di San Vittore lo scorso ottobre''.

com-fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech